Euro 2020, Draghi non vuole la finale a Wembley: "Troppi contagi" - Sportmediaset

Draghi punta a Roma

Euro 2020, Draghi non vuole la finale a Wembley: "Troppi contagi" - Sportmediaset

"Sulla Libia sosteniamo il processo di Berlino, la ministeriale che ci sarà tra qualche giorno dovrebbe vedere un maggiore impegno dell'Ue in quell'area - ha spiegato Draghi -. Parleremo di queste questioni al Consiglio europeo, entrambi siamo dell'avviso che non possiamo andare avanti senza la cooperazione con la Turchia".

Il Premier Mario Draghi, nel corso di una conferenza stampa congiunta con la cancelliera tedesca Angela Merkel, fra i vari argomenti chiesti dai giornalisti ha parlato anche della finale di Euro 2020, al momento in programma a Londra. La Uefa ha investito molto sulla fase finale a Londra dell'Europeo itinerante, ma alcune delle misure restrittive del governo britannico ancora in vigore potrebbero mettere a rischio parte del cerimoniale. Per questo si sta valutando uno scenario alternativo, con Roma in pole position. Perché Mario Draghi sa che deve ottenerlo subito, un cambio di rotta sulla gestione dei flussi, proprio per fronteggiare il consueto esodo estivo; ma a ridosso delle elezioni di settembre, con la Cdu braccata a destra da AfD, di leader disposti a fare concessioni sulla tenuta dei confini, a Berlino, non se ne trovano molti. E se è una voce così autorevole a parlare, non si può ignorare il fatto.

"Sì al rinnovo dell'accordo con la Turchia", ha poi detto Draghi sul fronte delle migrazioni.

Altre Notizie