"Biden molto diverso da Trump", a Ginevra Putin apre spiraglio Usa-Russia

Biden e l'incontro con Putin oltre le linee rosse ha bisogno di una relazione stabile

"Biden molto diverso da Trump", a Ginevra Putin apre spiraglio Usa-Russia

Dopo i colloqui che hanno intavolato a Ginevra, il presidente russo Vladimir Putin quello americano Joe Biden hanno lasciato la città sul Lemano. "È stato trovato un accordo con gli Usa per il ritorno dei rispettivi ambasciatori nei due Paesi", ha confermato ai media il capo del Cremlino.

Putin ha definito i colloqui con Joe Biden "molto costruttivi", aggiungendo di non ritenere che ci sia stata "ostilità" tra i due leader. Se il dissidente dovesse morire, "ho chiarito che le conseguenze sarebbero devastanti per la Russia", ha detto il presidente degli Stati Uniti. "Siamo più vicini adesso", ha detto Putin. E anche sull'Ucraina (di cui, spiega, si è però parlato "solo in generale") il dialogo sembra possibile, dal momento che Biden ha "concordato che gli accordi di Minsk devono costituire la base di una soluzione della crisi in Ucraina".

La conferenza stampa dura più di un'ora e le "ultime domande" promesse diventano una dozzina.

I rapporti diplomatici tra Mosca e Washington e gli scenari dopo il rinnovo dell'alleanza tra Usa e Ue all'ultimo G7 in Cornovaglia, in ottica anti-Cina, sono stati tra i nodi al centro del vertice. Al leader russo la reporter prima ha chiesto cosa è stato detto durante il vertice a proposito degli attacchi informatici e poi ha domandato: "Signor presidente, la lista dei suoi avversari politici morti, prigionieri o in carcere è lunga".

"Ha lasciato il Paese per farsi curare, e non appena ha lasciato l'ospedale, ha violato la legge non facendosi vedere dalle autorità come era richiesto nel quadro dei suoi procedimenti giudiziari, questa conferenza stampa non ci consente di entrare nei dettagli", ha precisato sottolineando che la Russia "segue solamente la legge russa" e non le richieste di altri Paesi. Di che diritti umani stiamo parlando? - Putin la sua solita prontezza di ingegno gli ha fatto notare di essere "un noto e invidiabile compilatore", "un vero artista in questo": "Lei dice che in Occidente ritengono che la Russia si comporta in modo imprevedibile ma questo non significa che questo corrisponde alla verità e mi permetto di ricordarle che è proprio l'America che fa esattamente questo: le ricordo solo che gli Stati Uniti nel 2002 si sono ritirati dal Trattato ABM per la difesa contro i missili balistici, una cosa assolutamente imprevedibile, ma perché hanno fatto questo, perché c'era bisogno di distruggere le fondamenta della stabilità internazionale nella sfera della sicurezza strategica? In Russia stiamo sviluppando il nostro percorso", ha aggiunto Putin. E lo ha definito uno "statista esperto".

Altre Notizie