Seconde case e visite a parenti a Pasqua, le regole

12:51: Seconde case e visite a parenti a Pasqua, le regole

Pasqua in zona rossa, regole per gli spostamenti: cosa si può fare

Oltre tremila volanti, con oltre 10mila persone su strada, saranno impiegate per il controllo del territorio nei giorni di Pasqua e Pasquetta, coordinati da 2.000 operatori nelle sale operative, che agiranno sulla base delle direttive della Direzione Centrale Anticrimine.

13 Si può andare a messa?

Sì, gli spostamenti per raggiungere i figli minorenni presso l'altro genitore o comunque presso l'affidatario, oppure per condurli presso di sé, sono consentiti anche tra Regioni e tra aree differenti.

- Può andare nella seconda casa soltanto chi dimostra di averne avuto titolo (quindi ne è proprietario o affittuario da una data antecedente al 14 gennaio 2021). Tali spostamenti -e quindi le visite- non sono consentiti in zona rossa.

Una Pasqua con spostamenti off limits nelle località turistiche, tra divieti e ordinanze sullo stop agli spostamenti verso le seconde case a seconda delle Regioni e in generale blindata dalle misure del nuovo decreto anti-Covid.

Vediamo quindi come e dove ci si potrà spostare durante le festività, fermo restando il coprifuoco attivo dalle 22.00 alle 5.00.

È consentito svolgere l'attività sportiva "esclusivamente nell'ambito del territorio del proprio Comune, dalle 5 alle 22, in forma individuale e all'aperto, mantenendo la distanza interpersonale di due metri". La Liguria ha vietato i rientri nelle seconde case e l'utilizzo delle barche a Pasqua. Importante: in tutti i casi, nelle seconde case possono trasferirsi solo gli appartenenti del nucleo familiare, senza parenti non conviventi o amici.

Il coprifuoco resterà invariato tra le 22 e le 5, salvo motivi di lavoro, di salute o urgenze autocertificate.

Gli spostamenti sono vietati anche all'interno del comune di residenza.

SECONDE CASE. E' possibile raggiungere le seconde case, a patto che non ci siano però ordinanze dei presidenti di Regione che impongono regole più restrittive: Campania, Puglia e Liguria hanno posto il divieto di accesso alle seconde case per residenti e non residenti.

E' ovvio che le visite di parenti e amici, in ogni caso, dovrebbero essere caratterizzate dal rispetto delle norme di distanziamento, anche a tavola. Il Piemonte, con un'ordinanza, si è aggiunto a Toscana, Valle d'Aosta e Alto Adige che vietano l'ingresso dei non residenti in regione.

Chi arriva sull'isola deve aver effettuato un tampone 48 ore prima dell'arrivo. Il provvedimento consente gli spostamenti per visite private -a parenti o ad amici- ad un massimo di due persone "che potranno comunque portare con sé i figli minori di 14 anni (o altri minori di 14 anni sui quali le stesse persone esercitino la potestà genitoriale) e le persone con disabilità o non autosufficienti conviventi".

Abolite fino al 30 Aprile le zone gialle: regioni e zone potranno essere soltanto rosse o arancioni.

BAR E RISTORANTI - Restano chiusi. Se la verifica di metà mese darà esito positivo e dunque torneranno le zone gialle, si potrebbe valutare la riapertura di cinema e i teatri con le regole che erano già previste nel precedente decreto: prenotazione obbligatoria, massimo 200 spettatori al chiuso e 400 all'aperto.

Altre Notizie