Vaccini, come è andata in Lombardia la prima giornata con Poste

Dal 7 all’11 aprile gli over 80 non ancora convocati potranno recarsi al centro vaccinale più vicino

Il call center vaccini in Lombardia: «Se siete religiosi pregate»

Nella fascia compresa tra gli 80 e 89 anni di età, entro il 29 aprile saranno prenotati per la prima dose il 99,5% dei soggetti, su un totale di 7878 persone.

Lo fa sapere Regione Lombardia, specificando che 177.313 sono state effettuate sulla piattaforma digitale di Regione e Poste Italiane, 11.551 attraverso il Contact Center, 1.647 con i portalettere e 1.603 agli sportelli Postamat. In Lombardia, il sistema di prenotazione della Regione mostra ancora inefficienze. Si parla di circa 40 milioni di dosi. Tuttavia, "le regole europee impongono che prima di iniettare qualsiasi cosa nell'uomo si debba fare uno studio clinico controllato - prosegue Abrignani - e io non so se se i tedeschi ne abbiano fatto uno, perchè al momento non ci sono dati pubblicati in tal senso".

Dal 7 all'11 aprile gli over 80 che non sono ancora stati convocati, potranno recarsi nel centro vaccinale a loro più vicino. Un ritardo che ha costretto fragili e anziani ad attendere ore prima della fatidica dose. Il prossimo obiettivo fissato sono le 500 mila vaccinazioni al giorno ad aprile, che dovrebbero portare al 60% della popolazione immunizzata a luglio.

Altre Notizie