Bassetti: "vaccinare anche chi ha già avuto la Covid-19"

Immagine simbolo

Immagine simbolo

"A seguire i ragazzi che frequentano le scuole, i cittadini che non hanno mai contratto il Covid e infine quelli che lo hanno già avuto", spiega. Gli studenti? E' una riflessione che si sta facendo in Parlamento'. Dopo gli 80enne via a scendere per età anagrafica arrivando alla fascia di popolazione che ha tra i 60 e i 70 anni.

Nel dettaglio, il vaccino anti-Covid dell'azienda Pfizer arriverà "tra il 23 e il 26 gennaio" e le dosi "andranno ai 300 punti individuati, che sono direttamente gli ospedali". Superati i 2 mesi di follow-up, gli statunitensi hanno chiesto ieri alle agenzie per il farmaco Fda ed Ema l'autorizzazione al commercio per uso di emergenza. È quanto Speranza ha detto ai capigruppo di maggioranza, secondo quanto riporta il sito del Corriere della sera. Finiamola di essere ambigui sui vaccini: o si è a favore o contro.

Le donne in gravidanza, in particolare, rappresentano una categoria particolarmente delicata: i dati sulla malattia, infatti, dimostrano che - nonostante il rischio in termini assoluti sia basso - le donne incinte presentano una maggiore probabilità di finire in terapia intensiva, avere bisogno di ventilazione meccanica e addirittura di morire rispetto alle donne fertili ma non incinte. Le reazioni avverse più comuni sono state dolore al sito di iniezione, affaticamento, mialgia, artralgia, mal di testa ed eritema o arrossamento, aumentando alla seconda dose come del resto già accade in alcuni casi per i vaccini disponibili. Innanzitutto "sarà impossibile fare uno screening delle persone esposte" al nuovo coronavirus, dichiara all'Adnkronos Salute. L'auspicio, naturalmente, è che i risultati su ulteriori test possano rapidamente dare il via libera alla somministrazione del trattamento anche alle signore in dolce attesa.

Altre Notizie