Zona rossa e arancione, cosa prevede decreto ristori ter

Locali e negozi chiusi a Aosta

Locali e negozi chiusi a Aosta

Attesa per la nomina del nuovo referente della sanità calabrese.

ROMA A tarda serata di venerdì non è ancora iniziato il Consiglio dei ministri - previsto alle 22 - chiamato a dare il via libera al decreto ristori ter e al nuovo scostamento di bilancio. Con la Relazione, sentita la Commissione europea, il Governo richiede, per l'anno 2020, l'autorizzazione al ricorso all'indebitamento di 8 miliardi di euro in termini di indebitamento netto delle amministrazioni pubbliche e di fabbisogno e di 5 miliardi di euro per il saldo netto da finanziare del bilancio dello Stato, in termini di competenza e in termini di cassa. E' il terzo approvato nel corso di questa emergenza, che da tempo ormai non è più solo sanitaria.

Una somma che risulta divisa tra 6,5 miliardi derivanti da uno scostamento senza deficit e 1,3 miliardi che arrivano invece da dei fondi che erano stati stanziati nei precedenti decreti ma che non erano ancora stati attivati, come ha certificato il Mef di recente.

Al fine di sostenere le attività economiche e commerciali colpite duramente dal Covid-19 vengono stanziate nuove ed ulteriori risorse economiche. Le risorse serviranno anche per altri misure anti-crisi Covid per il 2020.

Altre Notizie