Lo sfogo di Berlusconi contro Salvini: "Non lo voglio neanche sentire nominare"

Berlusconi:

'Ndrangheta: Salvini "scarica" Tallini. I 5 Stelle: «La politica rinnovi»

E, infatti, qualcosa è successo.

"Un pezzo di Forza Italia vuole l'inciucio", attacca il leader leghista, ricordando come l'appello di Matterella "è alla collaborazione, non agli inciuci, rimpasti, che vogliono Renzi, M5S e un pezzo del partito di Berlusconi". A me interessano i rapporti con gli italiani. Lo scrive in una nota Silvio Berlusconi, leader di Forza Italia, nella giornata in cui 3 deputati hanno lasciato il partito per passare alla Lega. Lo apprende l'ANSA da fonti dei gruppi della Lega e di Fi.

A far saltare i nervi ai tre deputati forzisti, quella che viene ritenuta un'eccessiva disponibilità di Berlusconi al dialogo con la maggioranza di governo, forse in segno di gratitudine - così lo interpreta qualche alleato - per l'affaire Vivendi-Mediaset. Una frase che contiene la parola chiave: "Assieme". Assieme a chi e in che modo? Per Salvini non ci sono dubbi e lo dice chiaro e tondo, riferendosi a Berlusconi: "Da parte sua c'è ambiguità". Secondo me, discutere di un ingresso di Forza Italia in maggioranza non ha senso.

Laura Ravetto Federica ZanellaMaurizio Carrara
Laura Ravetto Federica ZanellaMaurizio Carrara

Sull'ipotesi di dialogare con il governo si spacca il centrodestra. A blindare la posizione del Presidente del Consiglio è soprattutto la pressoché totale assenza di alternative, specie in un momento in cui nessuna forza politica potrebbe assumersi la responsabilità di aprire una crisi che si tradurrebbe in un vero e proprio salto nel buio.

Le defezioni sono dovute all'apertura del Cavaliere al governo sulla legge di Bilancio, e il caso-Mediaset con l'emendamento votato dal Pd che hanno creato un terremoto anche in maggioranza.

Una volta accasato alla Difesa, una eventuale candidatura di Renzi al ruolo di prossimo segretario generale della Nato assumerebbe tutto un altro aspetto, specie quando Biden si accaserà alla Casa Bianca. Ringraziamo Silvio Berlusconi per averci dato la possibilita' di tradurre le nostre competenze e il nostro 'sentire' in azioni politiche concrete. "Non si può - aggiunge l'esponente dem - non sottolineare l'imbarazzante e goffo tentativo di prendere le distanze da Tallini fatto in mattinata da Matteo Salvini, che definirei l'uomo del giorno dopo".

Altre Notizie