Pedofilo morto in carcere, violentato e ucciso da un compagno di cella

Regno Unito, il pedofilo Richard Huckle violentato e ucciso da un compagno di cella

Seviziato e brutalizzato per vendetta: il contrappasso del peggior pedofilo britannico

Emergono nuovi e inquietanti particolari in merito alla morte del pedofilo inglese Richard Huckle, ucciso il 13 ottobre del 2019 nella sua cella all'interno del carcere di Belmarsh, a sud di Londra. L'assassino ha dichiarato alla Hull Crown Court, di aver commesso il brutale omicidio per una "questione morale".

Nel corso dell'udienza, è stato spiegato come Fitzgerald sia stato visto aggredire Huckle dapprima strangolandolo, poi violentandolo con un utensile da cucina e infine uccidendolo con una sequela di fendenti che lo hanno in breve condotto alla morte. Voleva avesse un 'assaggio' della sofferenza che ha fatto provare alle sue vittime. Fitzgerald, tuttavia, nega di aver agito con premeditazione, sostenendo di aver perso il controllo durante l'aggressione. "Quest'uomo - ha detto riferendosi alla vittima - ha stuprato e abusato di bambini per divertimento".

Al centro del riquadro il detenuto Fitzgerald che ha ucciso Huckle
Al centro del riquadro il detenuto Fitzgerald che ha ucciso Huckle

Nato nel 1986, Richard Huckle venne arrestato il 19 dicembre del 2014 mentre dalla Malesia stava facendo ritorno nel Regno Unito. Secondo le testimonianze di un altro detenuto, Fitzgerald molto probabilmente avrebbe anche abusato sessualmente di Huckle come una forma di 'vendetta'. Fotografo free lance, era solito viaggiare nei paesi orientali entrando in contatto coi bambini tramite chiese, scuole e orfanotrofi, col pretesto di scattare loro delle foto. Il suo arresto ha smantellato un'organizzazione di pedofili che operava nel dark web sotto il nome di 'The Love Zone'. Quando è stato arrestato, il mostro aveva un computer contenente più di 20mila immagini di pedopornografia, di cui alcune migliaia in cui si vedeva lo stesso uomo abusare di bambini. "A nessuno importava di quei bambini" ha sempre ripetuto.

Huckel era stato successivamente condannato a 22 ergastoli con la possibilità di ottenere la libertà condizionale soltanto dopo 25 anni di prigione.

Altre Notizie