Papa, svolta su unioni gay con giallo su traduzione

Papa Francesco sulle unioni gay

Papa Francesco sulle unioni gay

Le parole di Papa Francesco sono state raccolte dal documentario di Evgeny Afineevsky a lui dedicato: "Sono figli di Dio e hanno il diritto a una famiglia - ha detto il Pontefice riferendosi agli omosessuali - Nessuno dovrebbe essere respinto, o emarginato a causa di questo". E ancora: "Ciò che dobbiamo creare è una legge sulle unioni civili". La reazione di Tiziano Ferro sul social è entusiasta.

Non va però dimenticato che nel paragrafo immediatamente successivo il Papa prende le distanze da qualsiasi rischio di confusione tra matrimonio e unioni civili, sottolineando come "non esista fondamento alcuno per assimilare o stabilire analogie, neppure remote, tra le unioni omosessuali e il disegno di Dio sul matrimonio e la famiglia" (AL 251). Le parole di Papa Francesco in difesa delle coppie omosessuali e delle unioni civili - estrapolate dal film "Francesco" presentato alla Festa del Cinema di Roma - continuano a tenere banco, scatenando una serie di reazioni - favorevoli e contrarie.

Papa Francesco sulle unioni gay
Papa Francesco sulle unioni gay

Don Armando intanto resta a casa, ma ci ha parlato volentieri di ciò che pensa in merito alle dichiarazioni di Papa Francesco sulle unioni civili per coppie gay: "E' una dichiarazione, quella di Papa Francesco, che non tocca il valore religioso del sacramento, ma solo la dignità delle persone - dice Armando - e che io condivido in pieno". "La compassione, la carità, la generosità, il conforto". Questo è sempre stato per me Dio. "Grande coraggio per un'apertura storica della Chiesa". "Gli omosessuali hanno il diritto di fare parte della famiglia". 'Juan, è Dio che ti ha fatto gay e comunque ti ama. Ancora più singolare che quelle dichiarazioni siano utilizzate dai sostenitori della proposta di legge anti-omofobia per sollecitarne la rapida approvazione.

"La Chiesa insegna che il rispetto per le persone omosessuali non può portare in nessun modo alla approvazione del comportamento omosessuale oppure al riconoscimento legale delle unioni omosessuali", recitano le parole scritte nel documento datato 2003. In questo modo sono coperti legalmente.

Altre Notizie