A settembre torna in rialzo il mercato europeo dell'auto

Mercato auto Europa 2020: lieve risalita a settembre, +1,1%

Auto: primo segno positivo Europa, +1,1% a settembre

Primo segnale positivo per il mercato dell'auto dall'inizio dell'anno. Si tratta del primo segnale di leggera crescita in un 2020 che a livello continentale aveva fatto sempre registrare cali pesantissimi per via della crisi innescata dal Coronavirus. Le immatricolazioni - secondo i dati dell'Acea, l'associazione dei costruttori europei - sono state 1.300.050 con un incremento dell'1,1% sullo stesso mese 2019.

Nei primi nove mesi dell'anno, però, la domanda di auto nell'Ue è diminuita del 28,8%. Con contrazioni del 25,5% per la Germania, del 28,9% per la Francia, del 33,2% per il Regno Unito, del 34,2% per l'Italia e del 38,3% per la Spagna.

A settembre 2020 il mercato auto in Europa ha registrato 933.987 nuove immatricolazioni, il 3,1% in più rispetto allo stesso mese del 2019. Una differenza evidente rispetto a quanto accaduto solo il mese prima, quando si era registrato un crollo addirittura del 17,6%. Nel corso delle fasi iniziali di diffusione e prima che la produzione possa essere incrementata, il numero complessivo delle dosi sarà limitato.

Fra i gruppi che guidano le classifiche di vendita si segnalano invece i sensibili cali di PSA (-14,1%), di BMW (-11,9%) e di Daimler (-7,7%).

Il calo delle immatricolazioni del 29,3% registrato a fine settembre è assolutamente eloquente. "Se vogliamo che la vaccinazione sia efficace dobbiamo prepararci ora", ha dichiarato la presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen. Nei quattro più grandi mercati, tuttavia, si sono avuti risultati contrastanti: in perdita la Spagna (-13,5%) e la Francia (-3%), mentre l'Italia - dove sono partiti gli incentivi - (+9.5%) e la Germania (+8,4%) hanno messo a segno solidi guadagni.

Altre Notizie