Lazio, Muriqi: "Un sogno fare coppia con Immobile" - Sportmediaset

Ciro Immobile

Ciro Immobile

"Un piacere presentare oggi Vedat". Parole al miele anche per Vedat Muriqi: "La sua trattativa è stata molto lunga e faticosa, ma siamo contenti di averlo portato a casa". Un profilo "che si aggiunge ad un reparto molto forte, formato da Immobile, Correa e Caicedo". Io sono Muriqi della Lazio e non lo Zaltan della Lazio - ha detto -. "Il suo acquisto sarà importante per raggiungere i nostri obiettivi quest'anno".

Sei stato soprannominato l'Ibra del Kosovo.

"Prima di tutto è un onore essere qui". Ricorda vagamente Ibrahimovic per come abbina forza fisica e tecnica nei piedi, ma a lui non glielo dite: "Io sono Vedat Muriqi...".

Quali sono i tuoi obiettivi? Preferisco il gioco di squadra, il mio obiettivo è solo quello di aiutare i miei compagni. Doppia cifra di gol anche in Italia?

"Non voglio avere troppa pressione addosso". Farò del mio meglio per supportare la squadra dentro e fuori dal campo. Ho giocato tante partite in questi anni, sono stato in tre paesi diversi e ho imparato tanto - ha spiegato il difensore olandese - Penso di essere maturato, le esperienze all'estero mi hanno aiutato e adesso devo dimostrarlo.

Muriqi è pronto a iniziare la sua avventura con la Lazio. Sono in una delle squadra più grandi in Italia, nella prima squadra di Roma. Voglio essere grande quanto questa società.

Cosa ti ha spinto a scegliere la Lazio? "Ho avuto tantissime offerte, ma ho scelto la Lazio per il modo di giocare e per il ds Tare, che viene dall'Albania". La concorrenza non mancherà in attacco: "Giocare con Immobile è come un sogno per me, anche il fatto di poter vestire la stessa maglia. Farò il possibile per imparare da lui e supportarlo all'esterno e all'interno del campo per aiutarlo".

Quali sono le tue caratteristiche? . Te ne hanno parlato? Tra i più sorridenti all'aeroporto c'è Denis Vavro: per lo slovacco domani sarà la giornata della verità: reduce da 120 minuti con la nazionale slovacca e fuori dalla lista UEFA, se il tecnico non lo prenderà in considerazione neppure in piena emergenza (Ramos e Radu infortunati, Hoedt fuori causa da mesi), significherà definitiva bocciatura per il centrale ex Copenhagen. Normale che ci sia una partita di questo peso con due club così in città. "Quando sono arrivato ho ricevuto molti messaggi dai tifosi, gli ho rassicurati sul mio impegno".

Altre Notizie