Coronavirus: 56 nuovi contagi nell'area pratese, positivo anche un neonato

Coronavirus, seconda ondata. Cresce ancora il numero dei contagi, siamo ai livelli di aprile

Covid: salgono a 40 i contagiati in città. Segnali di miglioramento per il frate dei ...

Fatti salvi i servizi essenziali della rete IMA il reparto di cardiologia che rimane aperto mantiene le attività non differibili, nel contempo non si registrano riduzione delle attività all'interno dei reparti di emodinamica e dell'Utic. "Nessun altro paese ha un sistema di monitoraggio della curva sofisticato come il nostro". Cresce anche il numero degli attualmente positivi: secondo i dati del ministero ad oggi sono 92'445, con un incremento rispetto a martedì di 5252 persone. Il modello indica "un incremento non lineare", ha detto Fenga. La ministra ha ricordato che "l'uso complementare della didattica digitale per le scuole superiori è già realtà e ha permesso non solo di garantire il distanziamento in aula, ma anche di alleggerire di molto il carico del trasporto pubblico". "È necessario scovare più positivi possibile, soprattutto gli asintomatici; più li controlliamo e meno contagiano". Proprio ai primi d'aprile su scala regionale si superarono i mille letti di terapia intensiva occupati, su una disponibilità complessiva di circa 1.260 posti letto con l'ossigeno.

Ma allora siamo ritornati alla situazione di partenza? Si sta valutando la riapertura dell'ospedale della Fiera. "Ho la sensazione che non frenerà la corsa del virus in maniera significativa, che possa essere troppo lieve, poco incisivo".

Tutte le regioni di Italia hanno fatto registrare almeno un nuovo caso di Coronavirus nelle ultime 24 ore.

Insomma, tutto dipenderà dal comportamento degli italiani, lasciando intendere che se ci sarà un nuovo lockdown a Natale, non sarà certo colpa del governo e delle eventuali nuove misure ancora più restrittive. Si rileva invece un'ascesa rapida in molte regioni del Sud, come Campania, Molise, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia. Del totale dei casi positivi, 1083 sono residenti o domiciliati in provincia dell'Aquila (+136 rispetto a ieri), 1258 in provincia di Chieti (+12), 2127 in provincia di Pescara (+40), 1095 in provincia di Teramo (+13), 44 fuori regione (+1) e 41 (invariato) per i quali sono in corso verifiche sulla provenienza.

Altre Notizie