Alitalia Covid-Tested: cosa c’è da sapere sui nuovi voli sperimentali

Alitalia Covid-Tested: cosa c’è da sapere sui nuovi voli sperimentali

Alitalia Covid-Tested: cosa c’è da sapere sui nuovi voli sperimentali

"C'è, per questo, una sinergia importante con Aeroporti di Roma, con Alitalia e con il Servizio Sanitario regionale e credo che questo porterà sicuramente a un maggior traffico di voli e a un beneficio sia per quanto riguarda la sicurezza aeroportuale sia per i viaggiatori che, sapendo di viaggiare sicuri, si sentiranno senz'altro più tranquilli". In special modo ora che non vale più la regola del distanziamento sociale a bordo. Questa area, in funzione dallo scorso 16 agosto, può ospitare fino a 480 passeggeri contemporaneamente nel pieno rispetto della distanza di sicurezza e della privacy. Così l'assessore alla Salute della Regione Lazio, Alessio D'Amato, presente oggi a Fiumicino in occasione della partenza del primi due voli con passeggeri negativi al Covid-19 nella tratta Roma-Milano. Voli, questi ultimi, che al momento risultano sospesi a data da destinarsi a causa del lockdown che, inevitabilmente, sembra aver inferto il colpo decisivo al servizio offerto a Malpensa da Alitalia. Nel caso di negatività del test, il passeggero riceverà il benestare a salire sui due voli oggetto dell'iniziativa, mentre nel caso di un risultato di positività al Covid-19, il viaggiatore seguirà i protocolli previsti dalle autorità sanitarie. Questo è possibile recandosi alla postazione Drive-In nel parcheggio Lunga Sosta, ed è possibile effettuarlo da 72 a 2 ore prima del volo (potrebbe essere consigliato farlo nei giorni prima del volo e non a ridosso del check-in), oppure nel Box Area Test Covid-19, si trova nel Terminal T3 (Area 3, Porta 4).

I passeggeri, all'atto d'acquisto del biglietto, saranno avvisati delle caratteristiche 'Covid Free' del viaggio. Una volta terminata la sperimentazione, Alitalia cercherà di estenderla anche ai voli internazionali e intercontinentali.

Altre Notizie