Coronavirus: mascherina obbligatoria in Sardegna tutto il giorno

In Sardegna sbarca solo chi è negativo

Sardegna, stretta sui turisti: l'ordinanza del governatore Solinas

L'ordinanza del presidente della Regione Christian Solinas, in vigore da oggi 14 settembre, regola infatti soltanto la procedura per entrare sul territorio regionale e non aggiunge niente di nuovo a quella in uscita.
Chi parte dall'Isola non è quindi tenuto a effettuare un test di positività al covid.

L'articolo 10 dell'ordinanza afferma che "i passeggeri che intendano fare ingresso nel territorio regionale sono invitate a presentare all'atto dell'imbarco e alternativamente: l'esito di un test per covid-19 - sierologico (IgG e IgM) o molecolare (RNA) o Antigenico rapido - eseguito non oltre le 48 ore dalla partenza, che abbia dato esito negativo". Dovranno essere indicati: il tipo di test effettuato e la data di esecuzione; il nome della struttura (pubblica, privata o privata accreditata) in cui è stato effettuato.

I passeggeri senza il test in partenza che accettano di fare il tampone in Sardegna sono obbligati a restare all'isolamento domiciliare fiduciario in attesa dei risultati dell'esame.

Non è ancora chiaro, invece, come potrà avvenire il rimborso dei costi sostenuti dal passeggero che si sottopone a test: la nota spiega solo che si dovrà presentare la ricevuta, ma ulteriori indicazioni verranno fornite solo in una successiva delibera della Giunta regionale.

Ma l'ordinanza è a rischio impugnazione.

La nuova ordinanza firmata dal Governatore Solinas prevede che tutti i turisti che, dal 14 settembre, sbarcano sull'isola presentino una sorta di "patente di immunità". Alcune categorie sono esenti dai test: chi esercita attività funzionali ad organi costituzionali, equipaggio di mezzi di trasporto, personale viaggiante su treni e aerei, chi si sposta per motivi di lavoro e salute.

"Una famiglia sarda con bambini riconosciuta all'ingresso dello zoo di Roma per via della nostra lingua, è stata fermata e le è stato impedito l'accesso sulla base di disposizioni amministrative della Regione Lazio, per paura che potesse contagiare gli animali". Ora - prosegue il Governatore sardo - "stranamente" lo stesso leitmotiv viene ripreso dal Ministro Boccia con una inaccettabile mistificazione della realtà.

Altre Notizie