Cibo, accordo Ue-Cina per tutelare 200 marchi: 26 sono italiani

Ingrandisci immagine

Ingrandisci immagine

Nonostante lo svantaggio di dialogare con un'audience critica, buona parte delle tematiche dell'intero summit erano di fatto congeniali agli obiettivi cinesi: dalle questioni "green" per le quali Pechino si è trovata fino ad oggi in accordo con l'Ue fino alle risposte agli effetti della pandemia di cui si è fatta baluardo durante l'emergenza. Oggi dunque la firma dell'intesa che, spiega la Commission europea, promette vantaggi commerciali reciproci e apre all'accesso per prodotti di qualità garantiti per i consumatori europei e cinesi.

Von der Leyen ha affermato che l'UE aspetta l'apertura del mercato cinese ai nuovi prodotti tecnologici, in quanto sono "nucleo dell'economia" europea.

"Questo accordo darà un contributo in tal senso, e allo stesso tempo rafforzerà le nostre relazioni commerciali, a beneficio del nostro settore agroalimentare e dei consumatori di entrambe le parti", ha detto il commissario per l'Agricoltura e lo sviluppo rurale, Janusz Wojciechowski.

Tra le indicazioni geografiche cinesi nell'elenco figurano ad esempio Pixian Dou Ban (pasta di fagioli Pixian), Anji Bai Cha (tè bianco Anji), Panjin Da Mi (riso Panjin) e Anqiu Da Jiang (zenzero Anqiu).

Nell'UE sono inoltre protette circa 1 250 indicazioni geografiche di paesi terzi, grazie ad accordi bilaterali, come quello concluso con la Cina.

Sebbene si tratti di un incontro virtuale in forma ridotta, il summit si svolge in una congiuntura particolarmente critica per le relazioni tra Cina e Ue.

Nel dettaglio, i prodotti di qualità italiani coperti dall'accordo sono i seguenti: Aceto balsamico di Modena, Asiago, Asti, Barbaresco, Bardolino Superiore, Barolo, Brachetto d'Acqui, Bresaola della Valtellina, Brunello di Montalcino, Chianti, Conegliano-Valdobbiadene-Prosecco, Dolcetto d'Alba, Franciacorta, Gorgonzola, Grana Padano, Grappa, Montepulciano d'Abruzzo, Mozzarella di Bufala Campana, Parmigiano Reggiano, Pecorino Romano, Prosciutto di Parma, Prosciutto di San Daniele, Soave, Taleggio, Toscano/a, Vino Nobile di Montepulciano.

Una presa di posizione, quella di Face, che avviene proprio nel giorno del vertice tra l'Unione Europea e la Cina alla presenza, tra gli altri, della presidente della Commissione europea Ursula Von der Leyen, del presidente del Consiglio Europeo Charles Michel, dell'Alto Rappresentante per gli Affari esteri e la politica di sicurezza dell'Ue, Josep Borrell, della Cancelliera tedesca e Presidente di turno del Semestre europeo Angela Merkel e del Presidente cinese Xi Jinping. L'accordo è destinato ad allargarsi perché, entro quattro anni dall'entrata in vigore, l'ambito di applicazione sarà ampliato in modo da includere altre 175 indicazioni geografiche di tutte e due le parti, Cina e Ue, sempre dopo una procedura di approvazione.

Scrive per noiSabrina Bergamini Giornalista professionista. "Esistono differenze, ma siamo pronti a lavorare".

Prima dell'incontro odierno Joerg Wuttke, presidente della Camera di commercio dell'Unione europea in Cina, aveva dichiarato che "dopo più di 30 dolorosi round di negoziati, c'è la sensazione che sia ora o mai più". Cucino poco ma buono.

Altre Notizie