California e Oregon, la costa continua a bruciare: bilancio di 30 morti

USA: incendi West Coast, 500'000 sfollati in Oregon

USA: una spaventosa nube di fumo tra California ed Oregon

Dei 20 maggiori incendi registrati nello stato, 6 si sono verificati quest'anno.

Intanto, sui social network si sono diffuse false voci secondo cui degli attivisti antifascisti erano stati arrestati per incendio doloso, circostanza smentita dalla polizia di Medford (Oregon).

L'incendio di Almeda, che ha devastato le comunità di Phoenix e Talent nel sud dell'Oregon all'inizio di questa settimana, ha costretto mercoledì nuove evacuazioni nella città di Medford, l'ottava città più grande dello stato con circa 80mila residenti.

Sono più di 30 i morti e ci sono ancora tantissimi dispersi, come riportato dalla Bbc. Il presidente statunitense Danald Trump ha firmato la dichiarazione di emergenza.

Secondo la polizia, una delle persone che hanno perso la vita a causa dei roghi è stata sopraffatta dal fumo e dalle fiamme mentre fuggiva a piedi dopo che la sua auto è finita in un fosso. I livelli di particolato presente in atmosfera ha ben superato i limiti di legge, tanto che in gran parte degli stati colpiti si registrano concentrazioni anche di centinaia di volte superiori al normale. In tutto lo stato dell'Oregon più di 500mila persone, circa il 10% della popolazione totale, sono state costrette a evacuare le loro case. Il fumo non ha fatto penetrare i raggi del sole, e lo skyline di San Francisco, come di Oakland e Berkeley, ha acquisito diverse tonalità, fino al rosso cupo, ricordando scenari da film apocalittici. Almeno 100 incendi stanno ora bruciando ettari di terra in 12 stati degli Stati Uniti. Ha consumato 471.185 acri ed è stato contenuto solo per il 24% da quando è stato innescato dai fulmini il 17 agosto.

In realtà il bilancio delle vittime potrebbe essere più alto. A Washington i vigili del fuoco stanno cercando di tenere sotto controllo 15 grandi incendi.

Altre Notizie