Le esplosioni di Beirut: ecco cosa è successo

Esplosioni Beirut 78 morti e 4mila feriti

Le esplosioni di Beirut: ecco cosa è successo

L'apocalisse a Beirut. E' salito ad almeno 135 il numero delle vittime per le esplosioni. "Gli avvenimenti si succedevano molto velocemente, subito dopo l'esplosione c'è stato qualche attimo di smarrimento perché era del tutto imprevisto, ma ringraziando il Signore stiamo tutti bene".

Intanto il governo chiede l'arresto di tutti i responsabili dello stoccaggio e quattro ex primi ministri libanesi hanno chiesto in una dichiarazione congiunta che sia una commissione d'inchiesta internazionale ad appurare le cause delle due gigantesche esplosioni di ieri nel porto di Beirut.

La potentissima esplosione ha liberato nell'aria materiale tossico che potrebbe avere effetti a lungo termine mortali.

Le squadre di soccorso a Beirut stanno cercando oltre 100 persone ritenute disperse in seguito alla violenta esplosione, lo riporta la Bbc.

La guerra civile ha insanguinato il paese dal 1975 al 1990, superata con il ritorno ad una convivenza tra religioni e etnie regolata da una rigida spartizione degli incarichi politici e amministrativi, il ruolo che vi ebbe la Siria con l'umiliante occupazione subita e ancora la drammatica occupazione israeliana del Libano meridionale con la guerriglia di resistenza conclusa con la ritirata di Israele vista come un successo di Hezbollah, che fu in grado di estendere il proprio controllo sul Libano meridionale. Lo scoppio ha causato gravi danni in circa la metà del territorio cittadino. "Lavoreranno con le autorità libanesi per salvare vite", ha annunciato il commissario alla gestione delle crisi, Janez Lenarcic. Siate forti": "così in un tweet il presidente del Consiglio europeo Charles Michel. In una nota del portavoce ha affermato che "le Nazioni Unite continuano ad impegnarsi a sostenere il Libano in questo momento difficile e stanno assistendo attivamente nella risposta all'incidente". Un video rilanciato su Twitter da Marco Castelnuovo, del Corriere della Sera.

Nel video si vede una donna con tre bimbi che guarda alla finestra verso la colonna di fumo che si alza sopra la città. Ma la fortuna è quella di essere ancora vivi. Il botto. I vetri che saltano.

Altre Notizie