Napoli-Milan, Maldini: "Ripeterei la frase su Rangnick. Ecco perché"

Paolo Maldini tifosi

Paolo Maldini

Napoli-Milan, Paolo Maldini parla nel pre partita ai microfoni di Sky.

Prima della partita contro il Napoli, le parole del dirigente rossonero a Sky Sport: "Le frasi su Rangnick? Le ripeterei, non erano contro una persona ma contro una modalità". Quando erano iniziate a circolare le prime voci sull'arrivo di Rangnick in rossonero, Maldini s'era detto infastidito, precisando come quello del tedesco non fosse "un profilo adatto per il Milan", almeno secondo il suo parere. Dobbiamo dare stabilità alla squadra. Non so cosa accadrà l'anno prossimo ma anche se lo sapessi non lo direi qui in televisione. "Ne sono molto orgoglioso". Senza Tassotti e Baresi non avrei fatto ciò che ho fatto in carriera". Maldini poi conclude: "Tanti hanno fatto bene tra i nuovi.

Sul momento del Milan: "Io vedo il 90% degli allenamenti, sapevo che era una squadra destinata a sbocciare". Il lockdown ha dato possibilità a Pioli di fare una mini preparazione e i risultati sono sotto gli occhi di tutti.

Chi di più lo ha colpito e sorpreso? E' diventato un giocatore completo con una grande evoluzione. Riflessioni che si spostano al rendimento della squadra e al futuro che potrebbe vederlo lontano dal suo Milan. "Poi per vedere e sapere chi farà parte di questo Milan, seguiranno delle decisioni che verranno prese da altri o da me stesso". Abbiamo spinto per prendere Ibra e Kjaer proprio per farli crescere.

Infine la conclusione: "Non ci sono casi di squadre che hanno avuto successo in un solo giorno". Poi c'è la difficoltà di giocare a San Siro con le maglie di Inter e Milan. Il passato conta e si fa sentire. "La maglia pesa e la storia purtroppo è difficile da sopportare per certi ragazzi".

Altre Notizie