Cagliari-Atalanta 0-1, Zenga: "Assurdo annullare il gol di Simeone"

Le armi di Gasperini contro il Valencia

Gian Piero Gasperini allenatore dell'Atalanta

I sardi hanno cercato di trovare il pareggio nella ripresa ma non sono riusciti a essere concreti nella fase realizzativa e così è arrivata la sconfitta dopo due vittorie e un pareggio. Walter Zenga ha fermi ai box Pavoletti, Oliva, Pereiro, Klavan e Pellegrini squalificato. Partiamo dalle aggravanti: l'Atalanta vista ieri alla Sardegna Arena era rimaneggiata dal turnover di Gasperini e non ha saputo affondare il colpo nei momenti in cui avrebbe potuto chiudere una gara giocata senza mai davvero pestare sull'acceleratore. Gioca a memoria, hanno qualità.

Nel secondo tempo sono entrati Ilicic, Gomez e Zapata, più Gosens. Il rammarico è per il gol annullato a Simeone che è assurdo anche se questo è il regolamento. Abbiamo tenuto bene pur concedendo qualcosa perché non puoi inventarti nulla per tappare tutte le loro fonti di gioco. Una partita apertissima nella quale entrambe le squadre hanno bisogno di vincere per raggiungere i loro obbiettivi stagionali: i bergamaschi per provare a raggiungere il terzo posto in classifica occupato dall'Inter; i rossoblu per arrivare alla matematica certezza di rimanere in Serie A la prossima stagione. Sul rigore ingenuo concesso da Carboni, episodio che ha deciso la partita: "Molte squadre non sono abituate a giocare ogni tre giorni - aggiunge Zenga - Carboni ha fatto un errore perché è un ragazzo ed è giusto che sbagli, non gli metto la croce addosso".

Altre Notizie