Registrato in Europa un misterioso aumento di radiazioni: cosa sta succedendo?

Registrato picco di radioattività in Europa: possibile problema a centrale nucleare

Allarme nube radioattiva nel Nord Europa: "Prodotti fissione nucleare di origine civile"

Nei giorni precedenti gli scienziati hanno registrato un anomalo picco della radioattività provenire dal Nord Europa, dove figurano Svezia, Finlandia, Norvegia e Danimarca.

Secondo alcuni media occidentali, gli isotopi sarebbero arrivati dalla Russia a seguito della depressurizzazione della cella a combustibile nel reattore di una delle centrali nucleari sparse nel Paese. L'evento, che provocò diverse vittime e feriti, si pensa sia stato innescato dall'esplosione di un missile sperimentale.

Gli elementi radioattivi al Nord sono lo iodio-131 (in Norvegia), il cesio-134, il cesio-137, il cobalto-60 e il rutenio-103.

Il sistema di monitoraggio della radioattività nazionale non ha segnalato emergenze o minacce che potrebbero causare un aumento dei livelli di radiazioni in Russia, ha dichiarato ai giornalisti il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov.

Lassina Zerbo ha affermato che "questi isotopi provengono molto probabilmente da un impianto civile". "Nessuna anomalia è stata registrata nelle centrali nucleari Leningradskaya e Kolskaya", ha dichiarato un portavoce della società russa di gestione di centrali nucleari Rosenergoatom. Anche il Governo Russo ha smentito l'accaduto su entrambe le centrali nel nord-ovest del Paese, quella di San Pietroburgo e quella di Kola, si lavora regolarmente e non si registrano fughe radioattive.

Altre Notizie