All'ospedale di Alzano 110 polmoniti "sospette" tra novembre e gennaio

Coronavirus, ad Alzano Lombardo 110 polmoniti sospette già tra novembre e gennaio

Coronavirus, in Val Seriana "110 polmoniti sospette" già nel 2019: i referti della Procura di Bergamo cambiano tutto

Il coronavirus circolava da lungo tempo.

Tra novembre e gennaio ci sono state 110 polmoniti "sospette" all'ospedale di Alzano Lombardo, finito ora al centro dell'inchiesta della Procura di Bergamo, che indaga sulla gestione del pronto soccorso durante l'emergenza Coronavirus. Del resto le polmoniti atipiche, verificatesi ancora prima del 23 febbraio, quando sono stati accertati i primi positivi al Covid-19 nel presidio sanitario, sono già un tema di indagine. Queste polmoniti sono state 18 a novembre, 40 a dicembre e 52 a gennaio.

In tutto il 2019 256 contro le 196 dell'anno prima, un aumento di circa il 30%. Ma certo viene il sospetto, più che fondato, che se si fosse fatto il tampone a qualcuno di quei pazienti ricoverati con polmoniti sospette forse si sarebbe potuto scovare prima, e magari arginare meglio, il virus e la sua diffusione. Una variabile che ha limitato la tamponatura di molti casi sospetti: anche queste linee guida del ministero sono finite nell'inchiesta della procura bergamasca su quanto accaduto all'ospedale Pesenti Fenaroli.

Altre Notizie