Pagamento in contanti, nuovo limite - a cura dello Studio Viglione Libretti

Limite ai pagamenti in contanti cosa cambia dal 1 luglio 2020

Contanti: si deve pagare solo con la carta per evitare problemi

Dal 1 luglio 2020 si abbassa il limite per il pagamento in contanti.

Gli importi maggiori dovranno quindi essere pagati attraverso bonifici, carte di credito e bancomat o altri metodi di pagamento con moneta elettronica. Ma cosa c'è da sapere sull'entrata in vigore, dall'inizio di luglio, delle nuove regole sui pagamenti? Per i pagamenti in contanti oltre i 250mila euro le sanzioni aumentano da un minimo di 15mila ad un massimo di 250mila euro.

I furbetti dei pagamenti verranno puniti: multe salate dai 3.000 ai 50.000 euro, a seconda dell'infrazione, per chi non rispetterà le disposizioni imposte dal Governo. Con l'articolo 18 del decreto fiscale 124/2019 collegato alla legge di bilancio 2020, infatti, il Governo italiano ha deciso di ridurre ulteriormente il limite dei pagamenti in contanti.

Dal primo luglio scatterà la limitazione all'uso dei contanti.

Le sanzioni per i pagamenti in contanti vengono commisurate all'effettivo importo della violazione commessa e variano da un minimo di 2mila euro a un massimo di 50mila euro.

Altre Notizie