Coronavirus mascherine, con o senza: ecco cosa succede

L’esperimento virale che mostra cosa fa una mascherina

L’esperimento virale che mostra cosa fa una mascherina

Sembra quasi un'ovvietà visto che lo abbiamo sentito ripetere molte volte negli ultimi mesi ma ora un professore americano ha condotto un esperimento che mostra realmente quanto sia efficace l'uso della mascherina per difendersi dagli agenti patogeni.

Cosa significa indossare una mascherina? Il professor Richard Davis, direttore del laboratorio di microbiologia clinica, al Providence Sacred Heart Medical Center in Spokane, ha evidenziato con un'esperimento elementare l'importanza dell'uso della mascherina.

Con un semplice esperimento, comprensibile da tutti, è riuscito a mostrare quanto sia importante usare la mascherina. Come si evince, le colonie di batteri mostrano dove sono atterrate le goccioline. La prima è stata nel raccogliere le goccioline provenienti dalla bocca e dalla gola dopo aver tossito, parlato, cantato o starnutito.

I risultati della sua prova sono davvero eloquenti. Lo scienziato ha poi ripetuto l'esperimento per dimostrare l'efficacia del distanziamento fisico, tossendo in direzione delle piastre a distanza di circa 60 centimetri, 1 metro e 20 centimetri e infine a circa 2 metri distanza, con e senza maschera. "Una mascherina le blocca sostanzialmente". Davis ha cantato e parlato. Seppur sappiamo che i batteri normalmente sono presenti nelle goccioline respiratorie delle persone (quelle grandi e pesanti) e non si tratta solamente di virus SARS-CoV-2, si può notare come l'utilizzo della mascherina chirurgica possa bloccare la maggior parte delle droplets.

Le stesse operazioni compiute usando la mascherina mostrano un risultato totalmente diverso: le piastre sono decisamente più pulite. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono.

Altre Notizie