Auguri a Clint Eastwood, il grande attore e regista compie 90 anni

Il mito del cinema western Clint Eastwood e uno dei più prolifici registi americani di fine secolo compie oggi 90 anni

Il mito del cinema western Clint Eastwood e uno dei più prolifici registi americani di fine secolo compie oggi 90 anni

Sono 90 le candeline che oggi spegne il grande volto di Hollywood. Nato a San Francisco il 31 maggio 1930 e partito come divo dei western americani, ha all'attivo 57 film come attore, 8 partecipazioni a documentari, 36 accrediti nei comparti di produzione, la composizione di 9 colonne sonore, e 41 film come regista, oltre a due oscar per la miglior regia, uno alla memoria Irving G. Thalberg e due come miglior film. Nella sua lunga carriera ha vinto tra l'altro due premi Oscar, sei Golden Globe e quattro David di Donatello. Dopo una parentesi televisiva come attore principale della serie Gli uomini della prateria, fu in Italia che trovò la sua chance più importante per consacrarsi. Sergio Leone lo scelse infatti come interprete della trilogia del dollaro (Per un pugno di dollari, Per qualche dollaro in più, Il buono, il brutto, il cattivo), divenendo l'Uomo senza nome, simbolo dei film spaghetti-western. Il suo ultimo film, "Richard Jewell" (2019), narra la vera storia di una guardia di sicurezza che evitò l'esplosione di una bomba durante le olimpiadi di Atlanta nel 1996, ma fu sospettato dall'FBI come presunto terrorista e fu diffamato dalla stampa e dall'opinione pubblica, fatti che cambiarono per sempre la sua vita professionale e privata. Poi, negli anni Duemila, ha firmato i suoi maggiori successi.

Noi, per quanto riguarda i nostri gusti, mettiamo sul podio "I ponti di Madison County", con una Meryl Streep incantevole nel ruolo di una moglie frustrata che vive il suo grande, intenso e fugace amore con un forestiero di passaggio; poi "Million Dollar Baby", dove la boxe è un pretesto per la discesa in un abisso esistenziale e infine "Gran Torino", dove la questione dei conflitti razziali, dei preconcetti e del rispetto tra individui che sboccia anche nel retroterra meno adatto è affrontata senza alcuna ombra di buonismo e meno che mai di retorica.

Altre Notizie