La Serie D ha deciso: una promossa e quattro retrocessioni

Vado Vs Casale

La Lega dilettanti "promuove" il Palermo in serie C: l'ultima parola al consiglio federale

Mercoledì il Consiglio Federale ha sancito lo stop definitivo ai campionati dilettantistici di calcio a 11, di futsal e di calcio femminile, sia a livello nazionale che regionale. Per quanto concerne l'attività regionale il Consiglio Direttivo ha invece affidato al Presidente Sibilia e agli altri consiglieri federali in quota LND, il mandato di richiedere una delega in favore della stessa Lega Nazionale Dilettanti, affinché sulla base delle realtà territoriali si possano adottare i criteri relativi alla conclusione dei campionati. Faremo accuratamente le nostre valutazioni, nessuno - o pochi - potranno essere scontenti. Il buon senso prevarrà, questo è certo da quando ci sono io. Abbiamo sempre voluto ragionare in ottica di sistema: sempre pronti a fare proposte, sempre presenti al tavolo della Federazione e del Governo. E' ovvio che dopo il protocollo dei professionisti, questa posizione ha cominciato a vacillare.

Mancava solo l'ufficialità, che puntualmente è arrivata. "La LND è stata sempre coerente e vincente", sono state le sue parole. Sugli allenamenti il n.1 dei Dilettanti non si sbilancia: "Con tutte le sicurezze del caso, aspettiamo il consiglio del 28 maggio con il ministro e tutte le componenti della Federazione". Ci siamo battuti con tutte le forze, ma mi rendo conto che le risposte possono venire solo da chi è preposto: autorità sanitaria e governativa.

Alla fine a decidere se presentare la domanda di ripescaggio spetta alla dirigenza coordinata dalla Presidente Principessa Nora Al Saud, ma è chiaro che deve essere supportata dall'intera città ed in primis dall'amministrazione comunale. Si riparte al 20 giugno al 90%? Si, questa è la strada, ma non dipende da me.

Per quanto riguarda la serie D, si proporrà la cristallizzazione delle classifiche al momento dell'interruzione del campionato, prevedendo la promozione delle prime classificate di ciascun girone e la retrocessione delle ultime quattro squadre di ogni raggruppamento (sono salve sia la Sangiovannese che il Montevarchi), decisione un po' a sorpresa visto che le ipotesi circolate parlavano di non pià di due.

"Abbiamo agito con la massima accortezza e nel rispetto delle linee indicate dal Consiglio Federale in ordine a promozioni e retrocessioni in Serie D - ha commentato il numero uno della Lega Nazionale Dilettanti Cosimo Sibilia - consapevoli che non fosse affatto semplice affrontare la situazione tenendo conto delle peculiarità verificatesi".

Altre Notizie