Sanders si ritira, via libera alla sfida Biden-Trump

Bernie Sanders in un comizio in controluce

Sanders si ritira, via libera alla sfida Biden-Trump

Sanders ha annunciato la sua decisione prima durante una conference call con lo staff della sua campagna elettorale questa mattina e più tardi ha ufficializzato l'annuncio in una diretta sui social.

È una mossa che di fatto dà il via libera alla nomination di Biden e che segna il definitivo addio da parte del senatore socialista, 78 anni, al sogno di conquistare la Casa Bianca. Ma anche senza rinunciare al suo piglio fermo e battagliero, indomito. Ma l'epidemia di coronavirus ha cambiato tutto: col Paese alle corde, la campagna elettorale delle primarie paralizzata, Trump deciso a usare gli enormi fondi stanziati per l'assistenza e la ricostruzione dell'economia come arma elettorale e l'emergere della figura di Andrew Cuomo, lo scenario è cambiato.

"Congratulazioni a Joe Biden, una persona molto per bene", ha aggiunto Sanders che, rivolgendosi ai sostenitori, ha ammesso che la vittoria era ormai "virtualmente impossibile" e ha promesso di lavorare con l'ex vicepresidente "per portare avanti la nostra agenda progressista". Il suo popolo quindi potrà continuare a votarlo, con l'obiettivo di continuare a raccogliere delegati. "Più saranno i nostri delegati e più ci sarà la possibilità di esercitare la nostra influenza alla Convention democratica", ha spiegato agli elettori. Visibilmente commosso ha ringraziato in tv tutti quelli che lo hanno sostenuto nelle sue campagne elettorali del 2016 e del 2020. La sua gente dovrebbe venire nel partito repubblicano": "ha twittato Donald Trump, cha accusa il partito democratico di aver fatto fuori il candidato socialista. "So che non sarà facile convincervi a votarmi, ma io vi ascolterò".

Altre Notizie