Positivo uno stretto collaboratore del Papa

Il pontefice ha parlato della parabola dell’uomo malato di accidia – meteoweek

Il pontefice ha parlato della parabola dell’uomo malato di accidia – meteoweek

E' risultato positivo al tampone un sacerdote che risiede nella casa "Santa Marta", residenza anche del Santo Padre.

A risultare positivo un monsignore, funzionario della Segreteria di Stato e stretto collaboratore del Pontefice, ora ricoverato al Columbus Covid2 Hospital. E lo stesso sarebbe accaduto a Papa Francesco.

Sono cinque finora i dipendenti vaticani contagiati. E tra quelli che hanno puntato il dito, ecco anche Filippo Anastasi, ex capo dell'informazione religiosa in Rai, che su Facebook si è sfogato: "Dopo la Comunione l'immagine si è soffermata sull'altare sul Santissimo, in attesa della benedizione finale del Papa".

Nuovo caso d'infezione da coronavirus in Vaticano. Negli ultimi giorni i dati riguardanti i contagi da Coronavirus sembrano invitare a un cauto ottimismo, ma ancora c'è bisogno di farsi forza e assistere alla funzione papale può rappresentare un momento di pace per lo spirito. La paura degli anziani, che sono soli, nelle case di riposo o in ospedale o a casa loro e non sanno cosa possa accadere. "Come figli fiduciosi ci rivolgiamo al Padre". Ognuno pensi ai propri e che il Signore non ci trovi alla fine della vita e dica a uno di noi ti sei pervertito, ti sei allontanato dalla via che io avevo indicato, ti sei prostrato davanti a un idolo: "chiediamo al Signore la grazia di conoscere i nostri idoli e se non possiamo cacciarli via, almeno tenerli all'angolo".

Alla messa di questa mattina assunta Marta, il Papa ha pregato per le suore vincenziane che in Vaticano gestiscono un dispensario per i poveri e per tutte le suore che curano i malati, in particolare in questo periodo caratterizzato dalla pandemia del coronavirus.

Altre Notizie