Esposito: "Sogno di vincere con la maglia dell'Inter"

Esposito

Esposito"Conte? Qualche volta si è arrabbiato con me. E uno che vuole vincere sempre

Se si è mai arrabbiato con me? Futuro? Spero ci siano tante belle cose.

-Il segreto per saltare i difensori? Ho cercato il contatto con Hummels e per fortuna è arrivato.

"Ciao Borja, sto bene con la famiglia".

Cosa ti piace di questo club? Ecco cosa ha raccontato: "All'interno dello spogliatoio mi arrivano tanti consigli per migliorarmi e mi dicono tutti che devono continuare a lavorare e rimanere umile". Da quando mi sveglio fino a quando vado a dormire sogno di vincere qualcosa con la maglia nerazzurra e s e' possibile anche con la maglia Azzurra. Vedremo se potrà avverarsi questo sogno. "Sono un attaccante moderno perché mi piace fare entrambe le fasi, attaccare ma anche rincorrere gli avversari". Ringrazio i tifosi, Romelu per la persona che è.

Sempre detto che è Totti. Vorrei citare poi uno dei più forti attaccanti al mondo, Milito. "Devo dare più del cento per cento".

Dove nasce la passione per il calcio?

Con i tuoi fratelli vi scambiate consigli?

-Cosa ami di più dell'Inter? .

Penso a parte la storia che hanno in poche soprattutto negli ultimi anni si stia creando una vera e propria famiglia. "Tutti si vogliono bene". Abbiamo un grandissimo rapporto dall'inizio, come del resto con tutti gli altri. Ma ho un rapporto bellissimo con tutta la squadra. Cosa gli ruberei? I gol. "Perché in pochi ne hanno fatto tanti e perché lui mi prende in giro dicendo che ho segnato ancora poco".

"Ronaldo il Fenomeno, del quale ho visto solo video".

Ronaldo e Milito che è stato uno dei più talentuosi.

Sono contenti i tuoi genitori di te? "Non so se esista qualcuno con cui non si sia mai arrabbiato (ride ndr)". Al massimo - se vogliono i miei amici - a Call Of Duty ma sono un pippone.

-Più emozionante esordio in CL o rigore contro il Genoa?

Mi mettete in difficoltà, non posso scegliere una roba così... Mi piacciono quelli che parlano di Napoli, di Camorra. Sono due emozioni fantastiche, non riesco a fare una scelta: "ma se proprio devo, prendo il primo gol in A".

Cosa significa giocare nell'Inter?

"Mi hanno accolto benissimo, come in una famiglia: mi hanno cullato come il più piccolo". Mi hanno trattato nel migliore dei modi. Stare qui mi rende orgoglioso, in campo gli anni non contano.

-Il sogno che sogni di segnare?

Penso sognare sotto la Curva Nord per esultare con i tifosi? .

Avevi/Hai altri sogni nel cassetto?

A livello umano si, creare una famiglia, essere un buon padre, essere un bravo uomo ed essere un bravo figlio per i miei genitori.

Cosa hai provato quando Lukaku ti ha lasciato battere il rigore contro il Genoa? Sono andato da lui chiedendogli di tirare, poi la scelta è stata solo la sua. Poi ha deciso lui, penso sia stata l'emozione più grande della mia vita.

-Bisogna sempre migliorarsi. In quali fondamentali pensi di migliorare? "Serve fortuna, ma anche dedizione al lavoro. Lo staff mi dice di avere dedizione al lavoro".

La tua famiglia ti ha aiutato a gestire la pressione?

Perché hai scelto la 30? In porta sono indeciso, sarebbe dura non scegliere Handanovic. In difesa metto De Vrij, Samuel, Materazzi, Maicon e Zanetti; a centrocampo ne metto due: Stankovic e Brozovic. "Allenatore io? No, lasciamo fare gli altri".

-Che tipo di attaccante sei? Glielo avevo chiesto, ma doveva decidere lui: mi ha risposto di andare sicuro sul pallone e fare gol. Io non capivo cosa stesse accadendo, per questo forse non ero teso.

-Lukaku è il compagno di squadra con cui ti trovi meglio?

-Com'è il tuo rapporto con Lukaku? .

Esposito, a fine chiacchierata, manda un messaggio ai tifosi: "Volevo darvi un consiglio, anche se non ho l'età per farlo: stiamo a casa, forza Italia".

Altre Notizie