Coronavirus, Verdone: "Dopo epidemia film pieni di leggerezza"

Verdone: “Vorrei De Luca in un mio film, non riesco a imitarlo” – VIDEO

Carlo Verdone: "Vincenzo De Luca? Un grande caratterista, lo vorrei in un mio film"

Anche Carlo Verdone è rimasto conquistato dai discorsi di Vincenzo De Luca, il Governatore della Campania, che in questo periodo così particolare che stiamo vivendo, chiede ai cittadini la massima collaborazione e minaccia interventi drastici a suon di sciabole e lanciafiamme. "Per cui scriveremo racconti, affronteremo temi in cui leggerezza, divertimento e grazia saranno al primo posto". Ma, secondo Carlo Verdone, cambierà anche il nostro approccio con la vita: "Questa epidemia cambierà molto il nostro modo di relazionarci con gli altri. Probabilmente diventeremo molto, molto più disciplinati".

"Ho voglia di stare all'aperto, di viaggiare al Nord e al Sud Italia, andare nella mia campagna, voglio quasi accarezzare l'Italia per essere stata violentata da questo terrore. Ecco, un atto di amore verso il mio paese: visitarlo". Il regista prova a rilassarsi, ascoltando buona musica classica e anche del buon rock, poi se si vuole qualcosa di più forte per l'anima consiglia le Lettere a Lucilio di Seneca.

Roma, 25 mar. - Quando tutto sarà finito "credo che il pubblico, e anche noi autori, sentiremo il bisogno di grande leggerezza, e anche di grazia in un certo senso". Ne è convinto Carlo Verdone, che, in un video girato per Fondazione Cinema per Roma, fa alcune riflessioni sul 'post Coronavirus' dal punto di vista del cinema.

"Dopo il coronavirus avremo voglia di leggerezza, io voglio viaggiare, scoprire l'Italia che non conosco, renderle omaggio". Tira fuori le corde comuni a tutti noi in questi giorni attaccati alle notizie terribili, spettatori e purtroppo insieme anche protagonisti del peggior film catastrofico che mai avremmo pensato di vivere oltre che di vedere.

Altre Notizie