"Cancellare Salvini": il titolo di Repubblica che fa arrabbiare la Lega

Gregoretti, nuovo attacco di Salvini al premier Conte

Gregoretti, Salvini: "Se sono un criminale me lo dicano domani. L'Italia lo deve sapere"

Non le mandano di certo a dire i consiglieri comunali di opposizione Walter Lagrotteria, Valeria Giancotti e Brunella Albano che, in un comunicato, elencano le "diverse criticità, tuttora irrisolte, dalle quali Serra si trova ad essere afflitta, per colpa di una maggioranza incompetente, inadeguata e soprattutto disinteressata e distratta, altro che "guardare insieme al domani...".

A Casalecchio di Reno, il leader della Lega Matteo Salvini aveva organizzato in un bar un caffè con i sostenitori. L'appiglio è la decisione presa nei giorni scorsi all'unanimità dai capigruppo di Palazzo Madama di sospendere, come da prassi, le attività di aula e commissioni dal 20 al 24 gennaio, per la campagna elettorale in Emilia-Romagna e Calabria dove si vota il 26. Poi parlano di odio e di violenza... "La prima pagina di oggi de "La Repubblica" - affermano - è la testimonianza diretta che la cultura dell'odio sta inequivocabilmente a sinistra, che, come da suo Dna, non tollera quanti non si riconoscono nelle sue posizioni; è una minaccia ignobile che travalica il dibattito politico e la divergenza di opinioni". "E' gente senza onore e senza dignità - ha detto ancora -. Trasformare la sintesi di un'intervista in un attacco personale è indebito e anche un po' indecente". Ci chiediamo quanto dovremo attendere prima che i rifiuti in questione vengano rimossi?

La seconda considerazione riguarda l'orripilante subcultura delle cosiddette regioni rosse, che dall'Ottocento instillano, generazioni dopo generazioni, pregiudizi intrisi di violenza, risentimento, rabbia, che sono tenuti più o meno a bada per lunghi periodo ma poi, nei momenti di dissoluzione dei legami sociali, tendono a esplodere: come appunto alla fine della guerra civile del 1943-45 o, negli anni Settanta - le regioni rosse furono uno degli incubatori della leva dirigente terroristica.

Nessuna polemica dal leader leghista che, al suo arrivo era stato circondato dai simpatizzanti all'entrata del locale. Alessandro Morelli, deputato e responsabile Editoria della Lega, annuncia un esposto all'Ordine contro il quotidiano.

Si attende per oggi una risposta su quando la Giunta per le Immunità del Senato sarà chiamata a votare sull'autorizzazione a procedere nei confronti di Matteo Salvini per il caso Gregoretti. Se qualcuno l'ha fatto, deve andare in galera. Per quella animosità e le minacce seguite, la professoressa è finita sotto protezione.

Altre Notizie