Julio Cruz su Balotelli: "Gli hanno fatto credere di essere Pelè"

Cruz: 'Calciopoli, vincevamo contro la Juventus: accadde qualcosa di incredibile, vi racconto'

Cruz: "Adriano un fenomeno, non è stato aiutato. Calciopoli? L'Inter prima perdeva partite incredibili"

L'ex attaccante dell'Inter, Julio Ricardo Cruz ha concesso una lunga intervista a infobae in Argentina in cui parla a tutto tondo del suo passato calcistico riaprendo, ancora una volta, la ferita di calciopoli: "È stato un orgoglio indossare la maglia della Nazionale argentina per me". L'argentino ha comunque fatto in tempo a vivere gli Scudetti post Calciopoli, una parte della storia calcistica che non ha mai dimenticato. Stavamo vincendo 2 a 0 e stavamo gestendo con tranquillità, giocando in modo spettacolare, e alla fine abbiamo pareggiato. Finimmo per pareggiare al 95′ minuto. Com'è possibile che abbia dato così tanti minuti? Ci hanno fischiato qualunque fallo contro e diedero 7 minuti di recupero; il pari arrivò al 95esimo. Uno poteva pensare che potesse capitare, ma poi tutto venne alla luce. "Fu qualcosa di molto forte, il calcio italiano è visto in tutto il mondo", sono le parole che stanno generando polemica sui social. "Non poteva vincere prima perché prima perdeva partite incredibili", ha aggiunto. Alcune partite mi sono sembrate strane, con gli arbitri che intervenivano così tanto. "Mi facevano fallo da rigore e mi dicevano che avevo simulato...", spiega El Jardinero.

Tornando ai suoi anni in nerazzurro, Cruz ha parlato anche dei suoi compagni di attacco all'Inter: "Adriano era un ragazzo fantastico". Ovviamente tutti abbiamo cercato di aiutarlo. Gli abbiamo parlato tutti, ma la mente umana è speciale. Potevamo parlare con lui, ma dopo mezz'ora faceva quello che voleva. È entrato in depressione e non aveva la compagnia giusta intorno a lui, nessuno lo ha aiutato come avrebbe dovuto. "È stato un peccato, perché era un fenomeno". All'inizio era umile, tranquillo; poi ha fatto alcuni gol importanti e ha iniziato a perdere la testa, o gliel'hanno fatta perdere. "Gli han fatto credere che fosse Pelé ed era solo all'inizio".

Infine un commento su Ibrahimovic: "Con Zlatan ho un rapporto eccellente". È difficile giocare con due 9 e la nostra altezza, ma non abbiamo mai avuto problemi. "Ci siamo capiti perfettamente, anche fuori dal campo".

Altre Notizie