Algeria | Si vota, ecco i candidati

Elezioni Algeria 2019 rischio boicottaggio.

Algeria, giovedì elezioni per il nuovo capo di Stato

Urne aperte giovedì prossimo in Algeria per eleggere un nuovo presidente, ma il movimento di opposizione Hirak, affermatosi negli ultimi nove mesi con le manifestazioni di piazza che lo scorso aprile hanno portato alle dimissioni del presidente Abdelaziz Bouteflika, ritiene che le consultazioni non servano ad altro che a riabilitare il sistema al potere nel Paese dall'indipendenza, nel 1962. Le condanne sono state emesse al termine di un processo che ha visto 19 imputati, tra cui altri ex uomini politici e imprenditori del settore automobilistico, chiamati a rispondere alle accuse di corruzione, riciclaggio di denaro e abuso di ufficio. Una protesta è stata dispersa violentemente ieri pomeriggio nel centro di Algeri dalla polizia causando diversi feriti.

Non calmeranno gli animi le elezioni del 12 dicembre in Algeria.

Anche in questi giorni giungono notizie di assembramenti e arresti di manifestanti, come il recente caso del vignettista Nime, in carcere preventivo da ormai una settimana e del quale il pronunciamento del giudice è previsto per oggi.

Tra i candidati ci sono due ex primi ministri, Abdelmadjid Tebboune e Ali Benflis, un ex ministro della cultura, Azzeddine Mihoubi, un ex ministro del turismo, Abdelkader Bengrine, e il capo del partito El Mostakbal, Abdelaziz Belaid.

I 24 milioni e mezzo di algerini iscritti nei registri elettorali potranno votare domani negli oltre 13 mila seggi sparsi per il territorio nazionale, mentre quasi un milione di residenti all'estero (soprattutto in Francia) possono votare nei consolati e nei seggi allestiti appositamente già da domenica scorsa.

Altre Notizie