Sampdoria 0-0 Atalanta: al Ferraris vince il vento. Ranieri: "Dateci tempo"

I giocatori della Sampdoria cuochi per un giorno in attesa di provare

Sampdoria-Atalanta, Ranieri: “Aiuterò Quagliarella. Cagliari come il Leicester? Me lo auguro…”

La svista del direttore di gara ha fatto andare su tutte le furie Gasperini, che al termine della partita non si è presentato in conferenza stampa, lasciando l'incombenza al direttore generale Marino. Quagliarella? Lo devo aiutare anche io, siamo in difficoltà. Presente allo stadio anche il presidente della Sampdoria Massimo Ferrero. L'esterno ceco lamenta un dolore alla spalla, l'attaccante si tocca la coscia destra ed è costretto a chiedere il cambio: al 12′ entra Caprari. Nel mezzo una rovesciata tentata da Quagliarella e una girata di Toloi sugli sviluppi di calcio d'angolo. L'arbitro fischia con un minuto di anticipo, poi si scusa e fa riprendere il gioco per qualche azione.

Dopo il riposo, la prima azione degna di nota è della Sampdoria con Caprari che al 46' mette dentro un bel pallone per Jankto (bravo Gollini in uscita bassa) ma al 48' la Dea risponde subito con Muriel che rovescia in gradinata un bel cross di Hateboer. Ranieri richiama Quagliarella, al suo posto entra Gaston Ramirez e la Sampdoria si affida alla rapidità di Caprari nelle vesti di terminale d'attacco. Gli organi preposti lo sanno di aver sbagliato come sbagliamo tutti. Primo tempo povero di occasioni: ci provano Pasalic con un tiro deviato (e fuori di poco) e Malinovskyi con un calcio di punizione insidioso. Bertolacci rileva Vieira, la Samp non si sbilancia troppo ma spinge fino al 94′.

L'espulsione di Ferrari poteva cambiare le sorti del match? Pronta la risposta di Claudio Ranieri: "Abbiamo vissuto un episodio simile a Ferrara, ma noi conosciamo il regolamento se l'avversario va verso la porta è rosso, altrimenti è giallo".

Altre Notizie