Superenalotto, incassata dopo due mesi la vincita record da 209 milioni

SuperEnalotto centrati dodici 5

SuperEnalotto, spunta il vincitore del superpremio da 209 milioni

La Sisal, società concessionaria del Superenalotto, ha comunicato che la schedina vincente del jackpot da record da oltre 209 milioni è stata presentata per le procedure di ritiro del premio.

Il vincitore di cui non si conosce l'identità, se non avesse rispettato la scadenza (fissata al 14 novembre), avrebbe perso la somma che sarebbe stata incamerata dallo Stato.

L'operazione è a cura di un ente bancario incaricato dal vincitore, che mantiene dunque l'assoluto anonimato. Per farlo - visto che la cifra supera il tetto di 52mila euro - doveva presentarsi con la ricevuta della giocata, integra e originale, negli uffici della Sisal (due sedi, a Milano e Roma): impossibile, ovviamente, un ritiro in contanti nella tabaccheria dove è stata giocata la schedina, come avviene per le piccole cifre, ma una procedura più complessa e fatta solo con bonifici bancari.

La vittoria, ottenuta a Lodi, è arrivata grazie ad una giocata di 2 euro sul sistema Quick Pick, generatore automatico dei numeri della giocata senza l'intervento dell'operatore o la richiesta del giocatore. Il fortunato paperone, ancora oggi dopo quasi due mesi dall'aver ottenuto il ricco montepremi, è avvolto nel mistero e a Lodi è caccia all'uomo da diverse settimane.

Altre Notizie