Madrid vuole ridurre gli esemplari di parrocchetto monaco in città

A Madrid il pericolo viene dal cielo.

Il comune di Madrid ha in programma di uccidere una parte della popolazione di parrocchetti monaci, una delle specie di piccoli pappagalli verdi che si sono moltiplicati in molte città europee, Roma inclusa. È per questo che il comune ha deciso di impegnarsi in una battaglia per abbatterne perlomeno la metà. Originari del Sudamerica, i parrocchetti monaci sono stati venduti nei negozi di animali fino a otto anni fa, poi la loro commercializzazione è stata dichiarata illegale.

Danneggiano inoltre la vegetazione della città per prendere bastoncini e legnetti utili a creare i loro grandi nidi (arrivano a pesare fino a 200 kg) che sono anche un potenziale pericolo per chi si trova sotto agli alberi. Da inizio anno sono arrivate agli uffici amministrativi 197 lamentele da parte dei cittadini che si sentono minacciati dalle malattie che i piccoli uccelli possono trasmettere all'uomo, tra cui psittacosi, salmonella e influenza aviaria.

Carabante ha sottolineato che il piano sarà intrapreso in conformità con la legge sul benessere degli animali e il comune lavorerà insieme alla Società Ornitologica Spagnola per uccidere i parrocchetti senza troppe sofferenze. Mentre Santiago Soria, consigliere comunale che si occupa di biodiversità, ha aggiunto: "Senza questa misura i numeri continuerebbero a crescere in maniera spropositata". "Ancora oggi gli esperti cercano di capire l'impatto che questa "specie aliena" avrà sulla fauna autoctona".

Altre Notizie