San Siro, nuova svolta: il sindaco di Milano spiazza Milan e Inter

TS- Nuovo stadio in fase di organizzazione la presentazione-evento. Ecco i primi dettagli

TS- Nuovo stadio in fase di organizzazione la presentazione-evento. Ecco i primi dettagli

"Siamo disponibili a cedere San Siro, qualora si volesse considerare l'ipotesi".

Sala ne ha parlato oggi a margine del taglio del nastro del primo negozio Uniqlo in Italia: "Ovviamente - ha spiegato - il Comune da San Siro non vuole farci soldi: siamo disponibilissimi a una valutazione di un ente terzo, che dica quanto vale". Che pensano a Sesto. Questa la nuova strada che il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, offre a Inter e Milan per la costruzione del nuovo stadio.

"È chiaro che qui dobbiamo compendiare l'interesse pubblico e della città con delle legittime aspirazioni di alcune società private di avere uno stadio". Lo ha fatto rispondendo alle domande dei giornalisti sul tema, tracciando le prospettive sul tavolo per lo stadio che ospita le partite di Inter e Milan: "A questo punto ci sono due ipotesi sul tavolo: uno stadio (nuovo, ndr) a San Siro o uno stadio a Sesto San Giovanni". Non abbiamo assolutamente ne' bisogno ne' interesse a speculare su San Siro. La terza via proposta dal sindaco è l'ultima spiaggia per far rimanere le squadre in città, saranno poi eventualmente loro a rammodernare la struttura: "In maniera tale che ci sia un range completo di possibilità".

"Una stima del valore" dello stadio Meazza "mi pare che sia intorno ai 70 milioni" era già stata fatta dall'Agenzia del Territorio, ha poi illustrato Sala. "Le squadre decideranno, nel loro legittimo interesse, quello che conviene loro fare, pero' anche nell'ordine di offrire loro tutte le opportunita', colgo l'occasione per ribadire che abbiamo anche disponibilita' a cedere San Siro". Io di piu' non posso fare. "La cosa importante e' che si arrivi presto a una decisione, perche' questo dibattito rischia di trascinarsi per molto tempo, pero' noi offriamo la massima collaborazione su ogni possibilita'".

Altre Notizie