Musica, i TheGiornalisti conquistano il Circo Massimo

Instagram Ufficiale dei thegiornalisti

Instagram Ufficiale dei thegiornalisti

". Con lui Tommaso canta "Fine dell'estate". Il gruppo è salito sul palco per un concerto che rappresenta la consacrazione della band di Tommaso Paradiso, Marco Antonio Musella e Marco Primavera, i quali hanno tutti una lunga gavetta nei locali romani alle spalle.

Commozione, urla, mani al cielo e sentimenti contrastanti su quel palco ma un'unica certezza: i Thegiornalisti hanno conquistato, in poco tempo, i cuori di tantissimi fan che, difficilmente, faranno a meno di sognare ancora con le loro canzoni. E invece più di ventimila persone, presenti al Circo Massimo il 7 settembre, hanno ribaltato il pronostico nefasto, animando una serata perfetta: talmente importante e ricca da segnare, forse, l'ennesimo punto di svolta della carriera di una band nata con ben altre aspettative. I "Thegiornalisti" nascono da una tale esigenza che, pian piano, hanno trasformato in altro. Anzi, proprio contro i suoi fautori si è scagliato il frontman Tommaso Paradiso sia durante il live, sia con le stories di Instagram nel day after, scegliendo come antidoti nel primo caso la hit di successo datata 2015 "Proteggi questo tuo ragazzo", mentre sui social la forma più semplice e elementare di amore: le fotografie dei fan. In dieci anni hanno inventato un suono sospeso tra cantautorato, Venditti, Vasco Rossi, Lucio Dalla, Luca Carboni, gli Oasis (Paradiso ha avuto una cover band dedicata ai fratelli Gallagher) e il più attuale sound elettronico pop. Così sono diventati dei frequentatori abituali dei primi posti delle classifiche, nonché delle presenze fisse nelle rotazioni dei network radiofonici inserendosi a pieno titolo in quella nuova scena indie che ha rivitalizzato la scena italiana. Probabilmente nel mezzo, come dicevano i latini.

Si sono formati nel 2009 e hanno scelto questo nome, Thegiornalisti, perché il loro intento era quello di riportare nei loro testi la quotidianità pura e obiettiva, un po' come fanno di mestiere i giornalisti.

Formalmente non più, artisticamente nemmeno, allora è arrivato il momento - e lo sanno anche loro - di cambiare etichetta (non a livello discografico, ma a livello di approccio) ed essere consapevoli del fatto che il fenomeno "Thegiornalisti" è partito 'fiero ed incendiario' per diventare 'pompiere', potremmo dire citando qualcuno che dell'indipendenza e la schiettezza ne fece un manifesto come il compianto Rino Gaetano, cioè iniziato con l'auspicio di riscrivere il cantatutorato italiano e finito per assimilare pregi e difetti del mainstream. Ai poster (i) l'ardua sentenza.

Altre Notizie