Percepivano indebitamente il Reddito di Cittadinanza: due persone "scoperte" dalla Finanza

Prende il reddito di cittadinanza ma continua a lavorare in nero

Reddito di cittadinanza. Truffatori smascherati dai Finanzieri

L'amministratore del condominio ha ricevuto una "maxi sanzione".

Nel primo caso i requisiti, ufficialmente, li aveva tutti: italiano, piena età lavorativa, nessun reddito. Così ha regolarmente presentato la richiesta per il reddito di cittadinanza.

Dopo un controllo approfondito della posizione contributiva dell'operaio irregolare, le Fiamme Gialle hanno scoperto che il 60enne a maggio aveva percepito lo stipendio di 1.220 euro e contemporaneamente aveva ottenuto due accrediti del reddito di cittadinanza per 614,52 euro relativi a mesi maggio e giugno. Il tutto senza far pervenire alcuna comunicazione agli organi competenti e pertanto oggetto di denuncia all'autorità giudiziaria.

Un altro caso, invece, ha riguardato un beneficiario del Reddito di Cittadinanza che, in violazione alle norme che disciplinano lo specifico aiuto, ha "dimenticato" di segnalare l'avvio all'attività lavorativa di un componente del proprio nucleo familiare.

Due persone sono state denunciate all'autorità giudiziaria dalla Guardia di Finanza, a Maratea (Potenza), con l'accusa di aver percepito indebitamente il reddito di cittadinanza. Inoltre a seguito di condanna, per i due soggetti non sarà possibile ripresentare la domanda per i prossimi dieci anni.

Altre Notizie