Open Arms: 10° giorno a bordo, resistiamo

Richard Gere a bordo di Open Arms. Credits Open Arms

Richard Gere a bordo di Open Arms. Credits Open Arms

"Ora aspettiamo un porto sicuro dove sbarcare", annuncia Camps. "Si aprano i porti di Francia, Spagna o Norvegia", così Salvini, riferendosi anche a Open Arms. Sono adesso più di 500 gli immigrati in attesa di un porto nel Mediterraneo, i 356 della Ocean Viking e i 151 della Open Arms.

Sul divieto di sbarco imposto all'imbarcazione della ong, inoltre, si sono espressi numerosi volti noti.

"Stavano finendo l'acqua e il cibo, è molto importante che portiamo loro acqua e cibo, ci sarà un'altra barca ad approviggionarli fra 5-6 giorni".

"Dopo 8 giorni le 121 persone sulla Open Arms avevano bisogno di mangiare e bere. E nel caso individuare i responsabili". Il ministro dell'Interno italiano Matteo Salvini ha vietato a entrambe le navi di entrare nelle acque italiane, sulla base dei poteri che gli sono stati assegnati dal cosiddetto "decreto sicurezza bis" (considerato da diversi esperti potenzialmente incostituzionale e in violazione dei trattati internazionali sottoscritti dall'Italia). Resistiamo, abbiamo 160 motivi per farlo.

Nella lettera, la Farnesina scrive che le autorità italiane "non hanno ricevuto alcuna informazione sulle intenzioni del comando della nave, che ha riferito dell'operazione alle autorità libiche, a soccorso avvenuto e quasi contemporaneamente ala diffusione dell'informazione attraverso i social media". Per tre di loro, probabili casi di tubercolosi e polmonite, è stata disposta l'evacuazione medica urgente insieme a sei familiari.

"Se salvare è un reato, allora mi considero a tutti gli effetti una trafficante", con queste parole Ani trova la forza di andare avanti.

Gatti ha poi ricostruito le fasi del salvataggio dei 39.

"Abbiamo stabilito contatti con le autorità marittime dei paesi a noi più vicini. Hanno storie incredibili, vengono da un inferno vero e proprio, soprattutto quelle che arrivano dalla Libia". "Non potremo mai riportare le persone in Libia".

Altre Notizie