Gerusalemme, scontri sulla Spianata: feriti

ANSA									+CLICCA PER INGRANDIRE

ANSA +CLICCA PER INGRANDIRE

Decine di loro sono rimasti feriti nei disordini, secondo l'agenzia di stampa palestinese Wafa. Secondo la Wafa, 100 mila palestinesi hanno partecipato oggi alle preghiere della Festa del Sacrificio. Le Forze dell'Ordine per fare disperdere la folla hanno utilizzato proiettili di gomma, gas lacrimogeni e granate.

Gli scontri sono scoppiati intorno alle 9:30, dopo che i fedeli avevano finito di pregare.

Ma non si fermano neanche gli scontri al confine di Gaza. "Sono 2000 anni che stiamo aspettando di essere qui e il giorno (anniversario) in cui il Tempio è stato distrutto, ci viene detto di non entrare, è grave!".

"La Giordania respinge la condotta di Israele, che ha il solo effetto di infiammare la rabbia e la frustrazione tra i fedeli musulmani nel primo giorno della Festa del sacrificio", si legge in una nota diramata da Amman.

Venerato dagli ebrei come Monte del Tempio, il sito di due templi ebraici biblici e dai musulmani come il Santuario nobile, l'area è uno dei siti più sensibili nel conflitto israelo-palestinese.

Intanto sulla Spianata delle Moschee sembra essersi ristabilita la calma.

"Questo dimostra la dimensione religiosa del conflitto israelo-palestinese", ha reagito Ismail Haniyeh, leader del movimento islamista palestinese Hamas che controlla la Striscia di Gaza ed è nemico di Israele. L'esercito israeliano ha giustificato la sua azione dicendo: "Le pattuglie hanno avvistato un terrorista armato che si avvicina alla recinzione di sicurezza nella Striscia di Gaza settentrionale".

All'inizio di questa settimana, un giovane soldato israeliano che non indossava né uniforme né arma, è stato trovato morto, pugnalato, vicino a un insediamento ebraico nella Cisgiordania occupata.

Altre Notizie