Fondi russi alla Lega: dopo Savoini spunta l'avvocato Meranda

Fondi russi Lega Bruno Giancotti

Russiagate-Lega, Salvini scarica Savoini: "Non l'ho inviato io, non so cosa facesse"

Nei giorni scorsi, il titolare del Viminale aveva dichiarato: "Savoini non era invitato dal ministero dell'Interno" né a Mosca nel 2018, né all'incontro bilaterale di Villa Madama. "Facciano in fretta" ha commentato Salvini da Ferrara.

"È urgente una riforma della magistratura, altrimenti il lavoro di poliziotti e carabinieri diventa vano".

Nonostante le indagini sui presunti fondi russi alla Lega sono "la persona più tranquilla e soddisfatta del mondo per quello che sta facendo al governo per l'Italia".

I rapporti tra Salvini e SavoiniI giornali hanno trovato e pubblicato moltissime foto che mostrano Salvini e Savoini insieme in diverse occasioni, e tra venerdì e sabato sono uscite prove di diverso genere che rendono poco credibile la presa di distanza di Salvini. Matteo Salvini, allora eurodeputato, era già capo della Lega quando decise di andare a Mosca insieme a un entourage ristretto per opporsi alle sanzioni che penalizzavano gli export italiani nel Paese.

Si arricchisce la vicenda che coinvolge la Lega di Matteo Salvini in un presunto accordo per una finanziare il partito con una compravendita di petrolio russo. Quel forum è stato gestito dal forum Italia-Russia e dall'ispi: "tutti i partecipanti sono stati automaticamente invitati alla cena allargata a Villa Madama", aggiunge ancora.

Tra gli altri componenti dell'entourage - nove in tutto, compreso Salvini - ci sono eurodeputati come Claudio D'Amico, il presidente di Lega Nord a Milano Paolo Grimoldi, un fotografo del Corriere della Sera, il giornalista e autore dell'intervista Eliseo Bertolazo e, infine, vari rappresentanti dell'Associazione Lombardia-Russia tra cui anche Gianluca Savoini, allora vice presidente della stessa.

Confermo di aver conosciuto il dottor Gianluca Savoini e di averne apprezzato l'assoluto disinteresse personale nei pochi incontri avuti in relazione alle trattative. I pm interrogheranno anche l'avvocato Gianluca Meranda, che ha rivelato a "Repubblica" di aver preso parte all'incontro a Mosca. È emerso, perché lui stesso si è fatto avanti, anche il nome di un avvocato internazionale d'affari che, nella registrazione della riunione agli atti della Procura, è il Luca che dirige la trattativa e fa riferimento alla campagna elettorale. Nel tweet Savoini esprime compiacimento per aver accompagnato Salvini durante sua visita ufficiale a Mosca. Savoini avrebbe inoltre preparato la conferenza stampa di Salvini in Russia e lavorato come parte del suo staff. BuzzFeed, il sito d'informazione che ha pubblicato gli audio anticipati dall'inchiesta de L'Espresso, ha però pubblicato due mail ricevute da Savoini il 17 luglio 2018 in risposta alle domande della testata americana.

Altre Notizie