Scudetto 2006, inammissibile ricorso Juventus

LaPresse

LaPresse

Sull'assegnazione di quel tricolore, revocato alla Juventus per le vicende di Calciopoli e assegnato d'ufficio all'Inter dall' allora commissario straordinario della Figc, Guido Rossi, secondo i bianconeri manca ancora un passaggio. Così titola stamane il Corriere della Sera.

Dopo il Collegio di Garanzia del Coni lo scorso maggio, anche il Tribunale federale nazionale della Figc ha dichiarato oggi "inammissibile" il ricorso della Juventus sull'assegnazione d'ufficio all'Inter dello scudetto 2005/06. La prima mossa effettuata in tal senso dalla società di Andrea Agnelli sarebbe stata la richiesta di sospensione del giudizio, in attesa di conoscere l'esito di un ricorso parallelo presentato al Tar.

Nel dispositivo firmato dal presidente Cesare Mastrocola si fa notare che la Juventus aveva presentato nei mesi scorsi un analogo ricorso al Collegio di Garanzia del Coni e per questo motivo il Tribunale aveva disposto il rinvio. Lì hanno vinto la Federcalcio e l'Inter, ma la Juve spera nell'ultima carta del Tribunale Amministrativo Regionale. I bianconeri, infatti, si sono visti respingere il ricorso da parte del TFN, ultimo reclamo possibile per avere ragione. Basterebbe guardare la sentenza passata in giudicato della Corte d'Appello di Milano in cui c'è scritto che Facchetti aveva chiesto a un arbitro di fargli vincere la partita di Coppa Italia con il Cagliari.

Insomma, l'ex dirigente Inter fece bene ad assegnare lo scudetto ai nerazzurri, nonostante il club milanese si salvò dal processo sportivo solamente grazie alla prescrizione.

Se vuoi essere aggiornato solamente sulle notizie di tuo interesse, è arrivata l'APP che ti invierà solo le notifiche per le notizie di tuo interesse!

Altre Notizie