Crescita Pil in zona euro, Italia ultima della classe

Ue Italia si conferma ultima in Europa per crescita

Ue Italia si conferma ultima in Europa per crescita +CLICCA PER INGRANDIRE

Abbassa stima inflazione E19 2019 e 2020 a +1,3% (Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Bruxelles, 10 lug - Nella zona euro la crescita del pil quest'anno sara' a quota 1,2%, nel 2020 all', 4%.

La Commissione Ue lascia invariate le stime sulla crescita italiana del 2019 (0,1%), che definisce "marginale", e del 2020 (0,7%), considerata una "ripresa moderata".

Secondo quanto previsto dalla Commissione, la crescita del PIL italiano per il 2020 si attesterà quindi sulla metà della media europea, restando l'unico Paese ad avere un dato inferiore all'1%. Nelle nuove previsioni economiche della Commissione europea, è Malta al top nel 2019 (+5,3%), seguita da Ungheria e Polonia (+4,4%), e dall'Irlanda (+4%).

Vanno meglio gli altri paesi del Sud Europa, come Grecia (2,1%), Spagna (2,3%) e Portogallo (1,7%). Fuori dall'area euro, il Regno Unito, pur alle prese con la Brexit e le relative incertezze, dovrebbe crescere dell'1,3% sia quest'anno che l'anno venturo. "La connessa compressione dei rendimenti dei titoli di Stato, se continuerà, potrebbe abbassare i costi di raccolta delle banche e sostenere i prestiti alle imprese". Secondo la Commissione, i "rischi" per le prospettive di crescita dell'Italia restano "marcati", specie nel 2020, quando "la politica di bilancio dovrà affrontare sfide notevoli". A ogni modo, rileva Bruxelles, "la crescita del Pil in termini reali si baserà principalmente sui consumi privati, sostenuta da prezzi dell'energia più bassi e dal nuovo schema di reddito della cittadinanza".

Altre Notizie