Padova: operata al femore a 104 anni, è tornata a camminare

ANSA									+CLICCA PER INGRANDIRE

ANSA +CLICCA PER INGRANDIRE

Elena Lazzarini, nata poco dopo lo scoppio della prima Guerra Mondiale, all'età di 104 anni compiuti, è stata sottoposta ad intervento chirurgico in seguito a frattura di femore. Con queste parole, il Presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, commenta l'eccezionale intervento realizzato all'Ospedale Sant'Antonio di Padova su un'anziana di 104 anni, che non sarebbe stata operabile nelle modalità tradizionali. Si è procurata la lesione ossea in seguito ad una caduta nella propria abitazione in Barbariga di Vigonza. L'operazione si è resa necessaria per aggiustare l'osso attraverso la fissazione di un chiodo, con anestesia spinale. "L'operazione - solitamente di routine, non in questo caso data la delicatissima paziente dalla veneranda età - è durata 40 minuti".

Trascorsi alcuni giorni di ricovero ed un breve periodo di riabilitazione, la signora Elena è tornata a camminare.

Per intervenire con successo anche su persone con età 'a tre cifre', spiega il dottore, sono decisivi i progressi delle tecniche operatorie, lo studio di nuovi materiali, i passi avanti delle scuole ortopediche, gli sviluppi dell'anestesia e la disponibilità di nuovi farmaci.

Enrico Sartorello ha spiegato all'"Ansa": "Abbiamo sintetizzato il femore rotto entro 48 ore dalla frattura, come da indicazioni regionali, perché, soprattutto negli anziani e tanto più nei 'grandi anziani', agire velocemente permette un recupero della funzionalità, della mobilità e, per quanto possibile, dell'autonomia".

"L'alta competenza professionale, coniugata a un'ottima organizzazione, ha permesso di operare con successo questa signora, veneta doc dalla tempra di ferro - dichiara il direttore generale dell'Ulss 6 Euganea, Domenico Scibetta - Mi ha fatto molto piacere stringere la mano ad Elena, emblema di longevità e di saggezza accumulata in oltre un secolo di vita, e testimonianza vivente di quanto possano al giorno d'oggi la scienza medica, l'abilità chirurgica e l'umanizzazione dell'assistenza".

Altre Notizie