Il caffè non fa male alle arterie - Alimentazione

Caffè assolto

Caffè non fa male alle arterie, neanche in grandi quantità

A scagionare definitivamente la bevanda calda più amata del mondo è arrivato uno studio della Queen Mary University di Londra.

La ricerca è stata finanziata dalla British Heart Foundation. I ricercatori hanno diviso i volontari in tre gruppi: chi beve meno di una tazza al giorno, chi tra 1 e 3, e chi più di 3. Poco importa dunque che vi concediate una tazzina appena alzati o che ne consumiate più di una all'ora, nell'arco dell'intera giornata, notte compresa. Secondo gli autori nessuno dei soggetti presi in esame ha mostrato segni di affaticamento cardiaco. Neppure le arterie dei consumatori "compulsivi" sono risultate irrigidite...

Il gruppo di lavoro ha sottoposto i partecipanti a una risonanza magnetica cardiaca e a test infrarossi specifici per la valutazione della rigidità arteriosa. Lo studio si è concentrato solo sugli effetti del caffè sulla possibile rigidità delle arterie.

"La nostra ricerca indica che il caffè non è così male per le arterie come suggerirebbero studi precedenti", dichiara Kenneth Fung, il ricercatore che ha condotto l'analisi. I soggetti che arrivavano a consumare le famose 25 tazzine di caffè al giorno erano pochissimi, tanto pochi da non esser considerabili statisticamente rilevanti. "In futuro ci piacerebbe esaminare questi soggetti più da vicino, così da poter contribuire a definire eventuali limiti di sicurezza da consigliare" agli amanti dell'oro nero. Qualche studio ha infatti in passato sostenuto che troppo caffè può aumentare la rigidità delle arterie, cosa che a sua volta provoca una ridotta sensibilità delle stesse arterie e ha effetti sulla pressione sanguigna.

Altre Notizie