Disoccupati lunga data Sud sono 900.000,oltre tutta Germania

Disoccupati di lunga data Sono 900mila nel Sud Italia più di tutta la Germania Sicilia maglia nera

Disoccupati da oltre un anno, al Sud sono più che in tutta la Germania

Lo rivelano i dati Eurostat dell'utimo rapporto.

Arrivano dati interessanti da Eurostat in merito ai disoccupati di lunga durata: al Sud e nelle Isole sono 900mila, ovvero un dato superiore a quello dell'intera Germania dove però vivono ben 82 milioni di persone rispetto ai 20,6 di Sud e Isole italiane.

Nonostante il numero dei disoccupati di lunga durata (vale a dire quelli in cerca di lavoro da oltre 12 mesi) siano diminuiti in Italia nel 2018 rispetto all'anno precedente fissandosi a 1,6 milioni di unità (-81.600 dal 2017) resta comunque più elevato nell'Unione europea. Soltanto in Campania e Calabria ci sono più disoccupati di lungo corso che nel Regno Unito.

Nell'Europa a 28, nel 2018, c'erano 7,3 milioni di disoccupati di lunga durata, in calo di oltre 1,1 milioni rispetto al 2017. La cifra è inoltre più che raddoppiata rispetto al 2008 quando erano senza lavoro da oltre 12 mesi solo 752mila persone. Ha un'occupazione inferiore al 30% anche la Campania seguita da Calabria e Puglia. In Germania l'andamento è stato opposto rispetto al nostro Paese con 1,6 milioni di disoccupati di lunga durata nel 2008 e un milione in meno (600mila) dieci anni dopo.

Per la Spagna se la crescita della disoccupazione di lunga durata è stata molto più rapida (tra 467.000 e 3 milioni tra il 2008 e il 2013) è stato veloce anche il calo con la discesa nel 2018 sotto quota 1,5 milioni. In Emilia Romagna il tasso dei disoccupati di lunga durata sul totale della disoccupazione è in media europea (41,4%) anche se di molto superiore al 25,9% del 2008.

Per quanto riguarda l'Italia si evidenzia come le regioni meridionali abbiano la disoccupazione giovanile tra le più alte in Europa: Campania, Sicilia e Calabria sono tra le ultime in classifica.

Lavoro delle donne, sempre più emergenza al sud. E mentre nel complesso nel nostro Paese si registra una riduzione, accusano una performance negativa il Lazio (da 156 mila nel 2017 a 172 mila), la Calabria (da 100 mila a 105 mila) e la Sicilia (da 249.600 a quasi 256 mila).

Altre Notizie