Chi è il gruppo jihadista accusato della strage in Sri Lanka

La raffica di attentati in Sri Lanka ora il terrorismo colpisce a Oriente del Califfato

Pasqua di sangue in Sri Lanka, colpiti hotel e chiese: oltre 200 morti, 35 stranieri

Il presidente della Commissione Ue Juncker ha parlato di "orrore", e il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha scritto al collega dello Sri Lanka Maithripala Sirisena condannando il "gesto vile e insensato" che ha colpito "fedeli inermi riuniti per celebrare la Pasqua". Sempre stamane sono state rinvenute altri 87 detonatori: alcuni, 75, abbandonati in una discarica, altri lasciati a terra. Un pacco sospetto è stato poi individuato a Fort, distretto finanziario di Colombo: l'area è stata evacuata e la polizia la sta ispezionando. Ieri ha confermato di avere arrestato 24 persone collegate al terrorismo e che dietro questo piano dettagliato e terribile c'è il National Thowheeth Jama'th, un gruppo terroristico islamista locale avente ampie ramificazioni internazionali. Il nome di quest'ultimo era contenuto nel documento dell'intelligence circolato ieri. Le vittime accertate nel momento in cui scriviamo sarebbero 207, di cui almeno 35 stranieri, mentre si contano almeno 450 feriti, secondo le fonti di polizie. La misura viene attuata "per consentire alla polizia e alle tre forze (esercito, marina e aviazione, ndr) di garantire la sicurezza pubblica". Si tratta della più grave ondata di violenza nella nazione asiatica dalla fine della guerra civile fra singalesi e tamil, nel 2009. E' stata poi decisa la chiusura per due giorni di scuole e Borsa. I musulmani sono solo il 12% nell'isola a maggioranza buddista, ma la minoranza cristiana (meno dell'8%) e' finita spesso nel mirino di attacchi e discriminazioni. Tra le vittime ci sono anche una donna e due bambine ritrovate in un appartamento di Dematagoda. Tra le vittime confermate dalle rispettive autorità un olandese, un portoghese e un cinese. Sono morti, invece, tre dei quattro figli di Anders Holch Povlsen, il patron della nota casa di abbigliamento e cosmesi Asos.

Continua ad aggravarsi il bilancio delle vittime dell'attentato di Pasqua in Sri Lanka, quando sette kamikaze si sono fatti esplodere in chiese e alberghi di lusso provocando una strage.

Nel video le immagini provenienti da una delle chiese attaccate dai terroristi. La Farnesina invece raccomanda di "evitare le zone interessate e di seguire le indicazioni delle autorità locali". "L'aeroporto internazionale di Colombo risulta aperto ma si registrano ritardi e disagi".

La guerra civile si è conclusa quasi dieci anni fa, ma non tutti i problemi di coabitazione sono spariti nel delicato equilibrio etnico religioso dello Sri Lanka.

Altre Notizie