Afghanistan, esplosione e spari vicino al ministero della Comunicazione

Immagine di copertina

Credit AFP

Almeno 7 persone sono morte e 8 sono rimaste ferite nell'attacco sferrato da un gruppo di terroristi alla sede del ministero della Comunicazione dell'Afghanistan, nel centro della capitale Kabul. L'attentato è stato rivendicato dall'Isis. Secondo il portavoce del ministero, Nasrat Rahimi, c'è stata una esplosione alle 11:40 circa ora locale (le 9:10 in Italia) e poi una sparatoria fra le forze di sicurezza afghane e gli attentatori. Seguita da sporadici colpi di arma da fuoco. L'edificio si trova a pochi metri di distanza dal palazzo presidenziale.

Le immagini televisive hanno mostrato che persone in fuga dopo l'esplosione hanno iniziato a esplodere vicino alla torre del governo di 18 piani. Secondo fonti della BBC, nell'assalto sarebbero coinvolti almeno tre aggressori.

Secondo quanto riportato dalla tv afghana 'Tolo', il portavoce del ministero degli Interni di Kabul Nusrat Rahimi ha confermato che due assalitori sono stati uccisi dalle forze di sicurezza.

La polizia afghana avrebbe ucciso uno dei terroristi che questa mattina hanno attaccato la sede del ministero. Venerdì erano stati rinviati i colloqui tra governo e talebani che a Doha, in Qatar, miravano ad aprire la strada a negoziati di pace formali per mettere fine a 17 anni di conflitto.

Altre Notizie