Modello 730 precompilato: al via la dichiarazione dei redditi online

Modello 730 precompilato 2019: da oggi (pomeriggio) online il modello

Parte la stagione del 730, già precompilati 960 milioni di dati - Economia

Da lunedì il 730 predisposto dall'Agenzia delle Entrate sarà online, ricchissimo di dati, quest'anno 960 milioni, circa il 4 per cento in più dello scorso anno. Per prima cosa, occorre essere in possesso delle credenziali di accesso. Sarà così possibile iniziare a consultare la propria dichiarazione dei redditi per poi inviarla, accettandola integralmente oppure integrandola con le opportune aggiunte o modifiche, a partire dal 2 maggio e fino al 23 luglio. Le porte della dichiarazione si aprono tramite Spid, il sistema unico di accesso ai servizi online della pubblica amministrazione. Resta valida la possibilità di rivolgersi al Caf o al professionista abilitato per una compilazione "classica".

Se ne parla ormai da diverso tempo del fatto che il contribuente, se i dati vengono comunicati all'amministrazione finanziaria da banche, assicurazioni, farmacie, strutture sanitaria, Anagrafe tributaria, non sia tenuto a fornire dati che l'amministrazione finanziaria già possiede. Al secondo posto in ordine di frequenza troviamo i premi assicurativi, poco più di 92 milioni, seguite dalle Certificazioni uniche, oltre 61 milioni.

Nella dichiarazione sono presenti in automatico anche le spese sanitarie (grazie anche al "sistema tessera sanitaria"), le spese universitarie, quelle funebri e le quote di spesa relative agli interventi edilizi per i quali si può fruire delle detrazioni fiscali del 50% (ristrutturazione edilizia) o del 65% (interventi di riqualificazione energetica). I dati relativi a bonifici per ristrutturazioni guadagnano quota 16 milioni, cui si aggiungono quasi 6 milioni di occorrenze relative a ristrutturazioni condominiali.

Novità 2019 è la possibilità di scegliere la modalità di compilazione semplificata, in alternativa alla modalità tradizionale, per modificare in maniera guidata tutto il quadro E della dichiarazione, per esempio per aggiungere un onere detraibile o deducibile che non compare tra quelli già inseriti dall'Agenzia o modificare gli importi delle spese sostenute.

A partire da questa data il contribuente e i soggetti delegati potranno visualizzare la dichiarazione e l'elenco delle informazioni disponibili, con l'indicazione dei dati inseriti e non inseriti e delle relative fonti informative.

Dal pomeriggio del prossimo 15 aprile la precompilata sarà disponibile sia per chi presenta il 730 sia per chi presenta Redditi. Il 730 potrà essere inviato a partire dal 2 maggio e fino al 23 luglio 2019.

Altre Notizie