Ajax, Ten Hag: "Sono orgoglioso, il risultato ci va un po? stretto"

Juventus Press Conference

Le parole di Allegri

La Juventus era una delle squadre pretendenti per la vittoria della Champions League ma la squadra bianconera si è arresa davanti alla spumeggiante Ajax di Erik ten Hag nel doppio confronto dei quarti di finale e non è riuscita ad approdare alla semifinale. Da lì emerge anche - vedi Arrigo Sacchi sulla Gazzetta - come la linea difensiva ajacide tenda a perdere la coesione "di reparto" e a sfrangiarsi in situazioni di uno contro uno: "È stato sufficiente un incrocio tra Cristiano e Bentancur per liberarsi di tutta la difesa e andare in rete" (per la verità, non secondario è il contro-movimento in corsa di CR7, che "taglia" ogni marcatura). Continuano a non arrivare buone notizie per la Juventus e per Massimiliano Allegri.

JUVENTUS (4-3-3): Szczesny; Cancelo, Bonucci, Rugani, Sandro; Emre Can, Pjanic, Matuidi; Bernardeschi, Ronaldo, Dybala (Kean). Senza Chiellini, Mandzukic e Perin (Cuadrado seppur recuperato non è inserito in lista Uefa), Allegri ha ancora qualche dubbio di formazione, ma non è escluso che le titubanze siano anche relative al modulo. In attacco Moise Kean partirà dalla panchina, il terminale offensivo sarà Dybala e ai suoi lati ci saranno Ronaldo e Bernardeschi. Fuori, ovviamente, Tagliafico, squalificato, che sarà sostituito da Mazraoui, con spostamento di Veltman dall'altra parte.

AJAX (4-2-3-1): Onana; Mazraoui, de Ligt, Blind, Veltman; Schøne, de Jong; Ziyech, van de Beek, Neres; Tadic.

Altre Notizie